menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Investe due ciclisti e ne uccide uno. Pirata della strada preso dopo 2 giorni: stava preparando la fuga

A perdere la vita un giovane di origine pakistane. L'investitore arrestato a Roma dopo 2 giorni di indagini

Due giorni di indagini hanno portato all'arresto del pirata della strada che giovedì ha investito e ucciso un ciclista ferendone un altro in località Ferriere, ad Aprilia. A perdere la vita un giovane di origine pakistane. Ferito un suo connazionale: entrambi svolgevano l'attività di bracciante agricolo. 

Ad indagare, sin dai primi attimi successivi all'incidente, avvenuto giovedì alle 17, gli agenti della Polizia stradale di Aprlia che dopo 48 ore di attività investigative, hanno tratto in arresto a Roma il conducente dell’auto.

Chi è il pirata della strada

L'incidente ad Aprilia, al chilometro 14+150 della strada provinciale 12D Nettuno/Anzio II. L'investitore aveva fatto perdere le proprie tracce. I primi accertamenti degli investigatori del Distaccamento Polizia Stradale di Aprilia e della Sezione Polizia Stradale di Latina, incentrati nella raccolta di testimonianze e filmati delle telecamere della zona, hanno consentito di identificare il responsabile del grave incidente. Si tratta di un giovane moldavo, classe '92, che già in precedenza era stato sottoposto a revisione della patente di guida per guida in stato di ebbrezza.

Ieri, nella tarda serata l’uomo è stato sottoposto a fermo per il delitto di omicidio stradale e fuga, ponendolo a disposizione della  Procura della Repubblica di Latina.

Si preparava a fuggire

Nel corso delle indagini è stata rinvenuta e sequestrata l’auto, intestata  al suo datore di lavoro, ed utilizzata dall’arrestato a insaputa del proprietario. Il veicolo, vistosamente danneggiato nella parte anteriore, era stato occultato dall’investitore, subito dopo l’incidente. Le attività investigative facevano, inoltre, emergere che dopo l’incidente, l’investitore, si stava organizzando la fuga, non rientrando a casa e cercando rifugio in luoghi di fortuna. L'arresto è avvenuto presso la stazione metro di Anagnina. Lo stesso, attualmente ristretto presso le camere di sicurezza della Questura di Latina, è stato posto  a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento