rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cronaca Frascati / Viale Largo Bonaparte

Incidente sul lavoro: netturbino precipita da tre metri, è grave

I Cobas: "Costretti a operare nella costante insicurezza a causa della fatiscenza dei mezzi di lavoro"

Incidente sul lavoro ai Castelli Romani dove un netturbino è rimasto ferito e trasportato in ospedale dopo una caduta. Lo rende noto il sindacato Cobas Sarim Grottaferrata: "A poco più di un mese dalla morte, a Frascati, dell’operatore ecologico dipendente della società Tekneco, rimasto schiacciato dal camion con il quale effettuava la raccolta del vetro, si è verificato l’ennesimo infortunio sul lavoro ai danni di un altro lavoratore della medesima società".

Avvenuto il 12 settembre, come spiegano ancora dal Cobas Igiene Ambientale: "L’operatore ecologico L.S., dipendente della Tekneco, è precipitato da una altezza di circa 3 metri mentre svolgeva l’attività assegnatagli in viale Largo Bonaparte a Frascati. L’operatore è stato trasportato presso ospedale Tor Vergata in codice rosso per essere sottoposto a medicazioni e accertamenti e aspettiamo di conoscerne la prognosi. Anche un altro collega, giunto sul posto per soccorrere il lavoratore caduto, è stato colto da malore ed è trasportato anche lui presso ospedale Tor Vergata".

"In attesa di conoscere l’esatta dinamica dell’infortunio, non possiamo che ribadire che gli operatori ecologici sono costretti a operare nella costante “insicurezza” a causa della fatiscenza dei mezzi di lavoro, della mancata formazione e di un’organizzazione del lavoro che, al fine di massimizzare i profitti, impone la raccolta dei rifiuti attraverso il cosiddetto “operatore unico” che inevitabilmente comporta una maggiore esposizioni alle malattie professionali e agli infortuni sul lavoro" prosegue la nota.

È inutile piangere i morti e gli invalidi sul lavoro se poi si rimane immobili pur di non disturbare i profitti delle società private e i (presunti) risparmi degli enti territoriali. Nel settore dell’igiene ambientale è assente una politica di prevenzione da parte dei comuni e degli enti preposti, Servizi di prevenzione delle Asl e Ispettorato del Lavoro, che non effettuano le verifiche necessarie in merito al rispetto da parte delle società appaltatrici di tutte le norme sulla tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Ora basta - concludono i sindacati - È giunto il tempo di organizzarsi per difendere la nostra salute e la nostra sicurezza". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente sul lavoro: netturbino precipita da tre metri, è grave

RomaToday è in caricamento