Cronaca

Fabrizio morto sulla Laurentina: si indaga sulle condizioni dell'asfalto

Fabrizio Rotatori, 43 anni, ha perso la vita lo scorso 5 novembre mentre viaggiava a bordo di una moto che, secondo il consulente tecnico, è finita in una serie di buche e avvallamenti. La procura indaga sulla responsabilità del tratto

Morto dopo avere perso il controllo della sua moto a causa di una buca: è quanto riporta la perizia depositata sul tavolo della pm Luigia Spinelli relativa all’incidente in cui ha perso la vita Fabrizio Rotatori, 43 anni.

Lo schianto risale al 5 novembre del 2020: Rotatori stava percorrendo via Laurentina quando, all’altezza di via delle Libellule, ha perso il controllo della sua Honda rovinando sull’asfalto. Un urto violentissimo che non gli ha lasciato scampo, su cui la procura aveva aperto un fascicolo per omicidio stradale a carico di ignoti.

Il primo accertamento disposto dalla procura era stata una perizia sul mezzo e sulla strada, consegnata nei giorni scorsi: l’ipotesi è che il 43enne sia caduto a causa delle condizioni dell’asfalto, dissestato a causa di un cantiere aperto proprio in quel tratto. A oggi ancora nessun nome è stato iscritto nel registro degli indagati, ma sembra che sia ormai questione di settimane.

Resta infatti da chiarire di chi fosse la competenza - e dunque la responsabilità - del tratto, se di Roma Capitale o di Città Metropolitana, e di chi dunque dovesse vigilare sullo stato e sulla manutenzione. Un’indagine complessa proprio a causa della doppia difficoltà: da un lato accertare l’esatta dinamica dell’incidente - che stando al consulente della procura non sarebbe stato causato da una velocità troppo elevata o da comportamenti pericolosi tenuti dal 43enne - dall’altro capire quale ente dovrà risponderne.

Fabrizio Rotatori morto in un incidente a Trigoria

Fabrizio Rotatori, 43enne residente in zona Magliana, è morto la mattina del 5 novembre. Sbalzato dalla sella della moto era stato scaraventato nel giardino di un’abitazione dopo che il mezzo aveva sbattuto contro una rete di recinzione. Il personale medico intervenuto sul posto ha provato disperatamente a rianimarlo, ma le ferite erano troppo gravi e l’uomo era deceduto sul colpo.

Le indagini erano state affidate agli agenti del IX Gruppo Eur della Polizia Locale di Roma Capitale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabrizio morto sulla Laurentina: si indaga sulle condizioni dell'asfalto

RomaToday è in caricamento