rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca Tivoli

Maxi incendio a Tivoli, la Procura apre un'indagine: distrutti ettari della riserva di Monte Catillo

Dal 13 agosto è stato già istituito il centro operativo comunale con la presenza del Sindaco, dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e di tutte le istituzioni competenti per il coordinamento di tutte le forze in campo

La Procura di Tivoli ha deciso di aprire un'indagine sull'incendio divampato giovedì scorso sul Monte Catillo. Nel fascicolo del procuratore capo Francesco Menditto, si procede al momento contro ignoti per il reato di incendio secondo l'articolo 423 del codice penale. Il rogo nell'area della riserva naturale aveva portato all'evacuazione, nella notte tra il 12 e 13 agosto, di una trentina di residenti nella comunità don Bosco e successivamente 25 famiglie da una palazzina.

Un maxi incendio che ha distrutto ettari della riserva naturale, come ha denunciato anche il Fai - Villa Gregoriana: "Dalle immagini al massimo si può provare a capire l'estensione del fronte di fuoco, degli ettari di paesaggio italiano bruciato, degli animali morti o per fortuna fuggiti. Dalle immagini si può capire l'immensa perdita di un patrimonio naturalistico inestimabile ed unico che racconta l’identità di un territorio. L'odore dalle foto e dai video diffusi non si sente, ma il dolore quello si".

Dallo scorso 13 agosto è stato istituito anche il centro operativo comunale con la presenza del Sindaco, dei vigili del Fuoco, della Protezione Civile e di tutte le istituzioni competenti per il coordinamento di tutte le forze in campo, mentre nel frattempo sono ancora in corso gli interventi nelle zone più impervie, anche con mezzi aerei. Sul territorio, invece, continua l'incessante lavoro delle squadre dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile.

incendio tivoli (2)-2-2

L'incendio a Tivoli: le foto

VIDEO | Brucia Tivoli, il video del maxi incendio

Un rogo, questo, talmente vasto che ha portato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti a firmare la dichiarazione dello stato calamità naturale sull'intero territorio regionale per la "grave recrudescenza degli incendi di questi ultimi giorni", fino al 30 settembre.

"Esprimo la mia vicinanza alle comunità locali che vivono nelle aree colpite in questi giorni dagli incendi e a tutti i guardiaparco, vigili del Fuoco, uomini e alle donne della Protezione Civile e di tutte le forze dell'ordine impegnate nelle attività di soccorso. Sono una morsa al cuore le immagini di pezzi di territorio devastati dalle fiamme, che in molti casi hanno colpito anche le nostre aree naturali protette come Monte Catino, vicino Tivoli, ha detto Roberta Lombardi, assessora alla Transizione Ecologica e alla Trasformazione Digitale della Regione Lazio.

"È inqualificabile anche solo l'ipotesi che dietro queste catastrofi per ecosistemi e abitanti vi sia la mano dell'uomo. Mi auguro che le Autorità competenti risalgano ai responsabili affinché possano essere consegnati alla giustizia e puniti adeguatamente e che atteggiamenti di questo tipo possano essere isolati e banditi dalle stesse comunità che ne sono colpite", ha poi concluso Lombardi. Ora le indagini saranno più serrate per trovare i responsabili del rogo.

incendio tivoli (1)-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi incendio a Tivoli, la Procura apre un'indagine: distrutti ettari della riserva di Monte Catillo

RomaToday è in caricamento