Cronaca Piazzale della Stazione Tiburtina

Stazione Tiburtina: incendio alla cabina elettrica, ritardi e treni cancellati

Fra le ipotesi non si esclude il gesto doloso. Disagi per i treni Alta Velocità e per quelli della Roma-Fiumicino

Immagine di repertorio

Un incendio nella cabina che alimenta gli impianti semaforici della stazione Tiburtina. Questo quanto ha determinato disagi e problemi per i treni in partenza ed arrivo al secondo scalo ferroviario romano. L’allerta ai soccorritori poco prima delle 5:00 di mercoledì 6 novembre, quando si è resa necessaria una breve interruzione della circolazione ferroviaria, con i convogli che hanno accumulato i primi ritardi, sino a 20 minuti.

Nel giro di breve l’incendio alla cabina elettrica crea problemi agli impianti semaforici che regolano la circolazione ferroviaria della stazione. Intervengono pompieri e Polizia Ferroviaria con i treni che procedono in entrata ed uscita alla stazione a “passo d’uomo”, fortemente rallentati.

Alle 6:34 circa l’incendio viene spento ed i treni riprendono progressivamente la circolazione. A farne le spese sono soprattutto i passeggeri delle linee Alta Velocità e della Fl1 Roma-Fiumicino, con ritardi fino a 30 minuti, limitazioni e cancellazioni.

Resta ora da accertare la natura dell’incendio, sulla quale sta svolgendo accertamenti la PolFer Lazio dopo i rilievi da parte della Polizia Scientifica. Pur non essendo state trovate evidenti tracce di acceleranti o elementi quali bottiglie e innesti, gli investigatori non escludono l’ipotesi dell’incendio doloso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stazione Tiburtina: incendio alla cabina elettrica, ritardi e treni cancellati

RomaToday è in caricamento