Incendio in una scuola a Monteverde: paura per gli alunni della Franceschi

Le fiamme sono divampate dall'aula di informatica dell'istituto scolastico di via di Donna Olimpia. Sul posto Vigili del Fuoco e Polizia Locale

L'incendio alla scuola Franceschi (foto Roberto D'Ambrogio)

Grande paura questa mattina poco dopo le 12:00 alla scuola Giorgio Franceschi di via di Donna Olimpia a Monteverde dove un incendio ha richiesto l'evacuazione degli studenti. Le fiamme sono divampate in tarda mattina nell'aula di informatica dell'istituto scolastico, che ospita un asilo ed una scuola elementare, richiedendo l'intervento degi vigili del fuoco e degli agenti del XII Gruppo Monteverde della Polizia Locale di Roma Capitale. Dei veri e propri momenti di terrore con un fuggi fuggi generale di alunni aiutati, oltre che dai soccorritori, anche da docenti e personale scolastico.

NESSUN FERITO - Provvidenziale l'intervento dei soccorritori che hanno messo in sicurezza l'area facendo evacaure temporaneamente la scuola di Monteverde. Oltre alla paura, nessuno è rimasto ferito né intossicato. Vigili del fuoco al lavoro per controllare se si siano verificati problemi all'infrastruttura. Secondo i parimi accertamenti l'incendio è scoppiato in seguito ad un cortocircuito nell'aula computer. La scuola domani resterà comunque chiusa per accertamenti. 

IMMOBILISMO DELLE ISTITUZIONI -  L'incendio ha trovato il commento di Roberto D'Ambrogio, presidente dell'Associazione Roma nel Cuore e candidato alle ultime elezioni municipali con la lista de La Destra che denuncia: "Dopo la nostra denuncia relativa alle condizioni disastrate della Scuola Fanceschi e l'encomiabile intervento dei genitori per ridipingere le aule, ecco oggi che una nuova tegola si abbatte sui rappresentanti delle istituzioni e sull'immobilismo che li contraddistingue. Nell'istituto è divampato un incendio, dalle prima informazioni a causa di un cortocircuito".

SICUREZZA DEI RAGAZZI -"La sicurezza dei nostri ragazzi - prosegue il presidente dell'Associazione Roma nel Cuore - è di primaria importanza, qualcuno dovrà assumersi le proprie responsabilità, così come gli aspetti legati al personale presente sul posto di lavoro. Da quanto abbiamo appreso infatti parte del personale scolastico è stato accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale San Camillo per accertamenti". 

PROBLEMI NEI CIRCOLI DIDATTICI - Roberto D'Ambrogio che prosegue e conclude: "Con l'Associazione Roma nel Cuore stiamo avviando un tour per segnalare tutte le varie problematiche relativi ai circoli didattici del Municipio XII. Oltre all'incendio alla Franceschi, la Girolami è chiusa per un invasione di topi che non riesce ad essere debellata, la Margherita Hack non ha palestra ed i bambini sono costretti a recarsi in un istituto limitrofo per far educazione fisica e nell'asilo Freccia azzurra è caduto il tetto per 2 volte in 3 mesi"

PIANO DI EMERGENZA - Scuole di Monteverde al centro della cronaca delle ultime settimane dunque, come sottolineano anche Marco D'Emilia e Fabio Moscovini, segretario e responsbile Settore Educativo Scolastico della Fp Cgil Roma: "A due giorni di distanza due preoccupanti episodi in strutture scolastiche dello stesso territorio, a Donna Olimpia: l’altro ieri crolla un controsoffitto nell’asilo nido Freccia Azzurra a causa di infiltrazioni d’acqua, per fortuna di notte; oggi  un incendio nella scuola dell’infanzia Franceschi a causa di un cortocircuito, bambini e personale evacuati, fortunatamente senza danni alle persone. Il ripetersi di tali avvenimenti deve suonare come un campanello d’allarme. Non dobbiamo attendere che si compia “la tragedia” per intervenire".

POSTA IN GIOCO ALTA -  "Abbiamo più volte segnalato problemi di sicurezza in molte delle strutture capitoline che ospitano pubblico e dipendenti (non solo scuole o nidi ma anche uffici) e a poco serve oggi interrogarsi sulle responsabilità delle passate gestioni. È necessario un immediato piano straordinario di messa in sicurezza, a partire dalle strutture educativo-scolastiche gestite direttamente da Roma Capitale. L’amministrazione - proseguono i due sindacalisti - deve intervenire e non può esserci alcuna giustificazione di natura economica o procedurale ad impedirlo, né possiamo permetterci una sequenza di chiusure delle strutture. La posta in gioco è troppo alta". Le famiglie e chi lavora in queste strutture devono avere la certezza di portare i propri figli e di andare a lavorare in ambienti sicuri. Al di là delle sacrosante verifiche sulla stabilità antisismica che si stanno realizzando, è necessario intervenire subito per evitare che, anche senza terremoti, si possano creare danni irreparabili ai bambini e al personale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento