Cani bruciati vivi a Marconi: tutti contro i rom, FederFida si dissocia

Intanto Rita Sanzi è stata ricoverata per un trapianto di pelle. La notizia si sta diffondendo e, su giornali e social network, ma con l'attenzione focalizzata sulle responsabilità, per ora solo presunte, dei rom

Sono passati tredici giorni dall'incendio di Ponte Marconi, in cui sono morti nove cani e una donna è rimasta ferita nel tentativo di trarli in salvo. Proprio oggi, 1 agosto, Rita Sanzi è stata ricoverata per un trapianto di pelle dopo le ustioni riportate lo scorso 19 luglio. In queste ore la notizia dei cani bruciati vivi si sta diffondendo su giornali e pagine Facebook, alimentando un'aspra polemica contro i Rom, individuati come i responsabili, o presunti tali, dell'incendio. Presunti tali perché le responsabilità finora non sono però state confermate e accertate da alcuna indagine e restano dunque ipotesi in attesa di verifica.

UNA PRECISAZIONE - “Purtroppo la storia di Rita si sta trasformando in una vera e propria istigazione alla violenza - dichiara Loredana Pronio, presidente di Feder Fida, l'associazione che ha seguito il caso, - Noi ci dissociamo da qualunque titolo o articolo o post in cui si additino i Rom come artefici di questo incendio. Né noi, né tanto meno gli inquirenti, siamo ancora giunti ad una conclusione definitiva”. Romatoday aveva intervistato Rita, e lei stessa ha dichiarato di non potersi dire sicura del fatto che siano stati i nomadi dell'altra sponda del lungotevere ad alimentare il rogo. “Trovo non solo scorretto quanto si sta scrivendo anche su Facebook - prosegue la Pronio, - ma pericoloso. La mia associazione attende che siano le indagini di chi di dovere a dare risposte definitive”.

APPELLO AL BUON CUORE DEI ROMANI - Intanto Rita questa mattina ha deciso finalmente di affrontare il delicato intervento: “L'emergenza è solo iniziata - spiega Loredana, - ora occorre che qualcuno si prenda cura dei suoi animali fino a quando Rita non si sarà ripresa del tutto dall'operazione”. Questo pomeriggio, alle 17, Feder Fida sarà sotto Ponte Marconi per organizzare una squadra di supporto: “Confidiamo nel buon cuore dei Romani. Aspettiamo amici volontari che ci aiutino nella distribuzione del cibo agli animali di Rita”.

APPELLO ALLE ISTITUZIONI - La Pronio lancia anche un appello alle Istituzioni e al Sindaco: “Quando Rita uscirà dall'ospedale, dove andrà? Di nuovo sotto i ponti? Occorre che la politica le trovi una sistemazione prima della pausa estiva”.

L'XI MUNICIPIO - Nei giorni scorsi, Maurizio Veloccia, Presidente dell'XI Municipio ha incontrato Rita nel luogo dell'incendio, su Lungotevere degli Inventori. Lo abbiamo contattato per chiedergli come stia proseguendo la ricerca di una soluzione abitativa per Rita. “Purtroppo la situazione non è di nostra competenza, il nostro è stato più che altro un interessamento sociale - ha spiegato Veloccia, - inoltre la signora lavora in un altro municipio. Però sono stato a trovarla e mi sono messo in contatto con i servizi sociali e con il reparto per l'emergenza alloggiativa del Comune di Roma”.

UNA SOLUZIONE ABITATIVA ALMENO TEMPORANEA - Un alloggio almeno temporaneo, una roulotte in attesa che si trovi un posto più adatto alle esigenze di Rita, sono le soluzioni che prendono piede tra chi si sta occupando della situazione. “Abbiamo fatto presente il disagio di Rita agli organi competenti. La vicenda è delicata, perché la signora, come dipendente comunale, percepisce uno stipendio e quindi non ha formalmente diritto alla casa popolare. Cerchiamo intanto una soluzione provvisoria in attesa di capire come risolvere definitivamente la faccenda”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento