Cronaca Pomezia

Incendio a Pomezia, Regione e Lorenzin: "Non c'è amianto". Scuole aperte

Sulla indagini per il sindaco di Pomezia, "bisogna approfondire sulla proprietà dell'azienda e gli eventuali collegamenti che possono esserci con la criminalità"

SCUOLE DI NUOVO APERTE - Ieri sera, nel frattempo, il sindaco Fabio Fucci ha firmato un'altra ordinanza con cui ha disposto la riapertura di tutti i plessi dove sono state ultimate le pulizie straordinarie e ha deciso di lasciare chiusi solo quelli dove tali interventi devono ancora essere conclusi. Oggi, 10 maggio, riapriranno così 12 scuole, tra asili ed elementari, mentre resteranno chiuse altre 19. 

CIBI NELLE MENSE - Nella stessa ordinanza, il sindaco ha disposto tra l'altro il divieto, "come da indicazioni della ASL, nel raggio di Km. 5 dal luogo dell'evento, "della raccolta, della vendita e del consumo di prodotti ortofrutticoli coltivati; del pascolo degli animali; dell'utilizzo di foraggi per alimentazione animale provenienti dall'area interessata ed eventualmente esposti alla ricaduta da combustione; di provvedere al mantenimento degli animali da cortile al chiuso, evitando il razzolamento", come conferma anche il Dipartimento Scuola del Campidoglio.

Sempre da indicazione Asl, l'ordinanza dispone che "i prodotti ortofrutticoli derivanti dalla coltivazione nei terreni posti al di fuori della predetta area ma in zone immediatamente prospicienti, dovranno essere sottoposti prima della consumazione ad accurato lavaggio in acqua corrente e potabile". Resta in vigore, poi, fino a nuova comunicazione, l'allontanamento dei residenti "da tutti gli edifici di comune uso personale, familiare o di lavoro, ricadenti in un raggio di 100 metri".

RISARCIMENTO PER AZIENDE - A tutelare le aziende interviene la Coldiretti: "Spenti i roghi occorre individuare al più presto le procedure per il rimborso dei danni alle aziende che non possono più vendere al pubblico i frutti del proprio lavoro, senza alcuna responsabilità e a tutela della salute pubblica". 

SIT-IN: "DISASTRO SI POTEVA EVITARE" - Nel frattempo continuano le polemiche. Domani Sinistra Italiana ha organizzato un sit in a piazza dell'Indipenza, a Pomezia: "Questo disastro si poteva evitare. Come mai la segnalazione del C.d.Q. non ha avuto alcun esito? Sinistra Italiana si adopererà affinchè si costituisca un comitato di cittadini che vigilerà su tutte le fasi che seguiranno a questo disastro e chiederà al Sindaco che un rappresentante del comitato possa partecipare all'esecutivo dell'emergenza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio a Pomezia, Regione e Lorenzin: "Non c'è amianto". Scuole aperte

RomaToday è in caricamento