rotate-mobile
Cronaca Aurelio / Vicolo del Gelsomino, 68

Distrutto da un incendio l'asilo nel bosco con vista su San Pietro. Indagini in corso

Il rogo si è sviluppato nella "Fattorietta" nella tarda serata del 2 agosto. Nessun ferito. La struttura veniva utilizzata per il progetto didattico "Outdoor" dedicato a bambini dai 18 mesi ai 5 anni

Da 4 anni ogni giorno una trentina di bambini sono stati accolti dall'asilo nel bosco gestito dalla Fattorietta, in vicolo del Gelsomino 68, all'interno del parco Piccolomini con vista sulla Cupola di San Pietro. Da oggi, però, il futuro di questa esperienza didattica è fortemente a rischio. Poco prima della mezzanotte di mercoledì 2 agosto, infatti, un rogo - le cui cause sono ancora tutte da accertare - ha completamente distrutto la casupola in legno. 

Incendio all'asilo nel bosco di fronte San Pietro

C'è un luogo a Roma conosciuto come "la passeggiata del Gelsomino", dal quale è possibile gustarsi una splendida vista di San Pietro e della sua iconica Cupola. All'interno dell'area verde, che nel complesso si estende per circa 24 ettari, da quattro anni l'associazione di promozione sociale "Passeggiata del Gelsomino", conosciuta come "La Fattorietta", svolge quotidianamente un'attività educativa del tutto singolare: l'asilo nel bosco. Dedicato a bambine e bambini dai 18 mesi ai 5 anni, li prepara alle scuole elementari con attività didattiche nella natura e a contatto con gli animali. Poco prima della mezzanotte del 2 agosto, però, una colonna di fuoco si è sviluppata proprio al centro della struttura in legno che ospita i bambini, distruggendo tutto. Compresi gli arredi e il materiale. I vigili del fuoco sono intervenuti intorno alle 23.50 sulle cause dell'incendio indaga il XIII distretto Aurelio della polizia di Stato. 

"Quattro anni di lavoro andati in fumo"

A denunciare l'accaduto è la responsabile pedagogica dell'associazione, Barbara Manara, dopo un post sulla pagina Facebook nel quale sono state pubblicate anche le foto di ciò che resta (ben poco) della struttura: "Ci siamo accorti dell'accaduto poco prima di mezzanotte - racconta a RomaToday - perché alcune persone ci hanno avvertito che si era alzata una colonna di fuoco al centro della struttura in legno. Noi lì dentro ci facciamo 'outdoor education'. Purtroppo in mezz'ora, quaranta minuti al massimo sono andati in fumo 4 anni di lavoro".

L'area verde è vincolata: "Abbiamo respinto diversi progetti speculativi"

Il pezzo di verde ("praticamente vergine, non c'è accesso libero e dentro vivono alcune specie animali"), è vincolato: "Per anni è stato oggetto delle mire di molti - spiega Manara, che ancor prima di iniziare il progetto dell'asilo è stata portavoce di un comitato di quartiere -. La vincolistica stringente che insiste sul parco -ha permesso di preservare questo luogo, perché siamo riusciti a bloccare ogni progetto speculativo. L'ultimo circa una decina di anni fa per un campo da golf".

Incendio alla Fattorietta-2

"Non so come faremo a sostituire la struttura"

Il rogo, sul quale sono partite le indagini delle forze dell'ordine, ha causato danni ingenti all'attività didattica: "Non so quantificarli al momento - risponde Manara - parliamo di una struttura di 100 mq appoggiata sul terreno, con dentro arredi e un frigorifero. Anche fossero poche migliaia di euro, noi siamo un'associazione di promozione sociale del circolo Arci, è complicato sostituire tutto. E' davvero spiacevole pensare al dolo, anche se immaginare l'autocombustione di notte, senza neanche un fornello e l'impianto elettrico spento da venerdì, è difficile". 

La solidarietà del Comune

L'assessora alla scuola, Claudia Pratelli, è intervenuta sull'accaduto: "Apprendo ora che La Fattorietta, struttura dedicata al progetto dell'asilo nel Bosco, questa notte è stata distrutta da un incendio per cui sono già in corso le indagini per accertarne le cause - ha scritto in una note nel pomeriggio del 3 agosto - . Fortunatamente già è appurato che nessun danno è stato arrecato a persone e ad animali. Fin da subito voglio esprimere la mia vicinanza e la mia solidarietà ai responsabili della struttura, alle famiglie e ai bambini che in questi anni hanno potuto giovare di un progetto educativo di grande valore e di una esperienza preziosa per la città. Sono certa che torneremo a goderne. Sono a disposizione per valutare come sostenere la rinascita e la ripresa delle attività". 

Anche l'Oipa al fianco della Fattorietta

"L’Oipa (organizzazione internazionale protezione animali, ndr) è vicina a tutti coloro che hanno permesso il realizzarsi di un progetto che offriva, e offrirà, una serie di benefici significativi per i bambini coinvolgendoli in esperienze in grado di aprirli all’amore per la natura e per gli animali, consentendo loro di apprendere in modo divertente e coinvolgente. Se sarà avviato un procedimento penale, l'organizzazione si costituirà parte civile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Distrutto da un incendio l'asilo nel bosco con vista su San Pietro. Indagini in corso

RomaToday è in caricamento