Cronaca via Lucio Mummio

Incendio al Don Bosco, bruciati cassonetti. Ama: "Regolari i servizi di igiene urbana"

La municipalizzata capitolina, come fatto negli altri casi accertati, presenterà anche in questo caso denuncia contro ignoti alle autorità competenti

I 5 cassonetti e il cestone gettacarte dati alle fiamme la scorsa notte in due vie del Tuscolano "costituiscono l'ennesimo atto vandalico che colpisce Ama e l'intera collettività. Questo fenomeno delinquenziale e criminoso non è riconducibile alle attività di pulizia e di raccolta dei rifiuti", è quanto sottolinea l'azienda di Roma che fa il punto dopo i roghi in via Lucio Mummio e via Papiria.

"Nell’area del Tuscolano e negli altri quadranti cittadini, le attività di raccolta dei rifiuti, pulizia e spazzamento risultano regolari", spiega Ama: "Purtroppo quello dei contenitori stradali dati alle fiamme dai vandali è un fenomeno che troppo spesso colpisce la Capitale".

La municipalizzata capitolina, come fatto negli altri casi accertati, presenterà anche in questo caso denuncia contro ignoti alle autorità competenti: "Squadre specializzate intervengono senza soluzione di continuità per sostituire i cassonetti bruciati. Essendo però questi ultimi catalogati come rifiuti combusti, è necessario operare con particolari accorgimenti per la loro rimozione. Da inizio anno, sono già oltre 80 i cassonetti dati alle fiamme, la gran parte dei quali già rimossi e sostituiti". 

via Papiria-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio al Don Bosco, bruciati cassonetti. Ama: "Regolari i servizi di igiene urbana"

RomaToday è in caricamento