menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio di un cassonetto in fiamme in viale dei Colli Portuensi

Immagine di repertorio di un cassonetto in fiamme in viale dei Colli Portuensi

Raccolta a rilento e cittadini esasperati: incendiati cassonetti ai Colli Portuensi

L'ultimo episodio in viale dei Colli Portuense. Secondo quanto appreso non ci sono stati feriti o intossicati

La raccolta dei rifiuti va a rilento, a Roma i cittadini sono esasperati e, ad aumentare ancora di più il livello di intolleranza, ci sono anche gli incendi, a macchia d'olio, ai cassonetti che trasbordano di spazzatura.

Le zone sono sempre le stesse: Ostia, Monteverde, Tuscolano e Montesacro. Qui le lingue di fuoco, nel corso dell'ultimo anno, hanno mangiato la plastica dei contenitori Ama. 

L'ultimo episodio nella notte tra il 26 e il 27 giugno in viale dei Colli Portuensi, nella strada in direzione che porta in via Isacco Newton. A bruciare tre contenitori. Sul posto, per spegnere il rogo, i Vigili del Fuoco e gli agenti di Polizia per le indagini del caso. 

Poliziotti che, la notte precedente, erano intervenuti anche in viale Jonio. Anche in quest'occasione due cassonetti Ama sono stati dati alle fiamme. Lo scorso 19 giugno anche Garbatella fu scenario di un incendio. 

Che dietro questi incendi ci sia o meno una mano dolosa è presto per dirlo. Fatto sta che non sono episodi sporadici, come è chiaro che ogni cassonetto bruciato costa all'amministrazione circa 800 euro. 

Non è escluso che questi episodi combacino con il clima aspro riguardante la questione della raccolta dei rifiuti in città come dimostrano anche le proteste andate in scena a Tor Sapienza e a Casal Bruciato. Secondo la sindaca Virginia Raggi sarebbero "azioni di boicottaggio ai danni dei cittadini".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento