Incendiano una mini-discarica abusiva per estrarre i cavi di rame, arrestati

I tre, due uomini e una donna, sono stati 'pizzicati' nel pomeriggio di ieri 25 febbraio nei pressi del campo nomadi di via Cesare Lombroso, dove erano accampati. Adesso rischiano una pena fino a 5 anni

Tre persone di 20, 26 e 30 anni, sono state arrestate dai Carabinieri della Stazione Roma Monte Mario nella giornata di ieri 25 febbraio per aver appiccato un incendio ad una mini-discarica abusiva nei pressi del campo nomadi di via Cesare Lombroso, dove erano accampati.

Durante un servizio di controllo del territorio i militari hanno notato in lontananza una nube nera sul campo nomadi dove poco dopo sono stati scoperti i tre mentre incendiavano un ammasso di rifiuti di vario genere tra cui cavi elettrici, presumibilmente rubati, allo scopo di sciogliere le guaine in plastica ed estrarne i cavi di rame.

I tre nomadi, tra cui anche una donna, tutti già conosciuti alle forze dell’ordine, sono stati ammanettati con l'accusa di combustione illecita di rifiuti che prevede fino a 5 anni di reclusione e denunciati a piede libero per ricettazione. Dopo aver spento le fiamme, sono stati contati 30 chili di cavi di rame che sono stati sequestrati. Tutti gli arrestati saranno processati con il rito per direttissima. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento