rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca Laurentina / Via Paolo Buzzi

A Roma aspettando il termovalorizzatore i rifiuti vanno già a fuoco. La mappa dell'emergenza senza fine

Il caos legato alla gestione della raccolta avrebbe causato una violenta protesta nella notte. Sul posto vigili del fuoco e polizia. Intanto tonnellate di immondizia invadono ancora le strade della città

Almeno sei cassonetti Ama bruciati e cumuli di rifiuti dati alle fiamme. Dopo la protesta al Laurentino 38, con un gruppo di ragazzi che ha bloccato via Ignazio Silone con dei cassonetti della spazzatura, a Roma quella trascorsa è stata una giornata di fuoco. Tra il tardo pomeriggio di lunedì e poco dopo la mezzanotte, in tra la zona di Casetta Mattei, Pisana e ancora quella del Laurentino, diversi incendi hanno impegnato i vigili del fuoco. 

Diversi gli interventi. In via La Contea a Casetta Mattei hanno spento il rogo a due cassonetti. Al Laurentino, invece, la zona più colpita. Interventi in via Paolo Buzzi, viale Filippo Tommaso Marinetti e via Giuseppe Lipparini. Anche qui in fiamme contenitori Ama e cumuli di rifiuti lasciati sul marciapiede.

Le squadre dell'Eur dei vigili del fuoco hanno lavorato per ore. Sul posto gli agenti del commissariato Esposizione per le indagini. Immagini che i residenti hanno fotografato e diffuso, finite pure sulla pagina Instagram di Welcome To Favelas. Non è escluso che le gesta siano riconducibili alla situazione dei rifiuti a Roma.

incendio cassonetto1

incendio cassonetto via Lipparini

Ascolta il podcast RomaTodaily su Spotify

La crisi senza fine

Un'emergenza quella legata alla gestione della spazzatura che va avanti ormai da più di un mese. Circa la metà dei mezzi Ama, tra macchine madri, spazzatrici, e squaletti è fuori uso, ferma nelle officine esterne per riparazioni. Con i giri di raccolta ridotti rispetto all'ordinario si sono accumulate intorno ai secchioni centinaia di tonnellate di rifiuti. Ama e Campidoglio stanno correndo ai ripari tentando di noleggiarne di nuovi per rafforzare la flotta, ma al momento ancora la crisi è tutt'altro che rientrata. Decine le foto segnalazioni che arrivano alla redazione. Particolarmente in sofferenza è il quadrante est della città.

Emergenza rifiuti a Roma 04.07.23

Da Torpignattara è partita una diffida ad Ama e Comune. In via dell'Acqua Bullicante da giorni i residenti respirano i miasmi dei sacchetti accatastati e con foto quasi quotidiane inviate alla redazione denunciano lo scempio. In via dei Centauri un'onda di rifiuti sembra invadere gli otto cassonetti in fila lungo la strada, i marciapiedi davanti a villa Lais, proprio all'entrata del parco giochi per bambini, sono invasi da ingombranti e cartoni. E ancora il porta a porta è un disastro, vedi a Borghesiana e nel IX municipio. E ancora via Stilicone, via della Marranella, via Caffaro a Garbatella, l'intero quartiere di San Paolo. Roma è sommersa dai rifiuti e a oggi gli sforzi di Ama non hanno prodotti gli effetti sperati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Roma aspettando il termovalorizzatore i rifiuti vanno già a fuoco. La mappa dell'emergenza senza fine

RomaToday è in caricamento