rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Allumiere, Impronte: “Lanciata la volata verso il canile comprensoriale“

Data Storica il 5 agosto 2013, e tappa probabilmente decisiva per quello che è il destino del canile-gattile comprensoriale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Data Storica il 5 agosto 2013, e tappa probabilmente decisiva per quello che è il destino del canile-gattile comprensoriale.

Presso il Palazzo Camerale di Allumiere, l'Università Agraria locale, in qualità di ente promotore, rappresentata dal Presidente Antonio Pasquini e dal Vice Angela Mellini, il Sindaco di Allumiere Augusto Battilocchio, quello di Tolfa Luigi Landi e il neo Assessore all'Ambiente Silvia Brusciotti del Comune di Civitavecchia, spalleggiata dalla delegata Irene Piredda, hanno posto le loro firme sul protocollo d'intesa per la costruzione del nuovo Parco canile-gattile comprensoriale, primo ma imprescindibile atto che porterà all'inizio dei lavori passando attraverso la conferenza dei servizi e il project financing.

Presente all'incontro, in rappresentanza della Regione Lazio, il Presidente del Consiglio Regionale Daniele Leodori, che ha manifestato piena disponibilità ed ha ben illustrato quello che sarà l'iter burocratico da questo momento in poi.

Molto interessante è stata anche la successiva presentazione del progetto, sviluppato sugli oltre 5 ettari messi a disposizione dall'Universutà Agraria di Allumiere, da parte dell'Arch. Silvia Lucidi, sotto lo sguardo attento del Dott. Fabrizio Menzione, dirigente veterinario della ASL RMf che seguirà la parte autorizzativa dal punto di vista sanitario.

Decisamente all'avanguardia il Parco canile che sorgerà in loc. La Ciocca (zona Tramontana) in un sito meraviglioso e praticamente equidistante tra i 3 comuni coinvolti.

La struttura risulterà estremameente confortevole, con ampi spazi verdi, in modo da accogliere le famiglie per incentivare le adozioni, in una struttura che dovrà essere solo un punto di passaggio per gli animali ospitati.

Ovviamente prevista anche l'indispensabile presenza di un gattile sanitario, come da normativa vigente, dove verranno ricoverati temporaneamente i gatti randagi in difficoltà, per essere curati e reimmessi successivamente sul territorio.

Il progetto, completamente ecosostenibile, prevede anche pensione, cimitero per gli animali, inceneritore e molto altro ancora e, cosa importante in un periodo come questo, sarà finanziato da privati e non toccherà le tasche dei cittadini.

L'Ass. Impronte, favorevole da sempre a questo progetto, non può fare altro che esprimere la propria soddisfazione per questo primo atto ufficiale e, auspicando che le prossime tappe siano raggiunte nel minor tempo possibile, ringraziare chi, ad oggi, ha mantenuto le promesse fatteci poco più di un anno fa.

Data Storica il 5 agosto 2013, e tappa probabilmente decisiva per quello che è il destino del canile-gattile comprensoriale.

Presso il Palazzo Camerale di Allumiere, l'Università Agraria locale, in qualità di ente promotore, rappresentata dal Presidente Antonio Pasquini e dal Vice Angela Mellini, il Sindaco di Allumiere Augusto Battilocchio, quello di Tolfa Luigi Landi e il neo Assessore all'Ambiente Silvia Brusciotti del Comune di Civitavecchia, spalleggiata dalla delegata Irene Piredda, hanno posto le loro firme sul protocollo d'intesa per la costruzione del nuovo Parco canile-gattile comprensoriale, primo ma imprescindibile atto che porterà all'inizio dei lavori passando attraverso la conferenza dei servizi e il project financing.

Presente all'incontro, in rappresentanza della Regione Lazio, il Presidente del Consiglio Regionale Daniele Leodori, che ha manifestato piena disponibilità ed ha ben illustrato quello che sarà l'iter burocratico da questo momento in poi.

Molto interessante è stata anche la successiva presentazione del progetto, sviluppato sugli oltre 5 ettari messi a disposizione dall'Universutà Agraria di Allumiere, da parte dell'Arch. Silvia Lucidi, sotto lo sguardo attento del Dott. Fabrizio Menzione, dirigente veterinario della ASL RMf che seguirà la parte autorizzativa dal punto di vista sanitario.

Decisamente all'avanguardia il Parco canile che sorgerà in loc. La Ciocca (zona Tramontana) in un sito meraviglioso e praticamente equidistante tra i 3 comuni coinvolti.

La struttura risulterà estremameente confortevole, con ampi spazi verdi, in modo da accogliere le famiglie per incentivare le adozioni, in una struttura che dovrà essere solo un punto di passaggio per gli animali ospitati.

Ovviamente prevista anche l'indispensabile presenza di un gattile sanitario, come da normativa vigente, dove verranno ricoverati temporaneamente i gatti randagi in difficoltà, per essere curati e reimmessi successivamente sul territorio.

Il progetto, completamente ecosostenibile, prevede anche pensione, cimitero per gli animali, inceneritore e molto altro ancora e, cosa importante in un periodo come questo, sarà finanziato da privati e non toccherà le tasche dei cittadini.

L'Ass. Impronte, favorevole da sempre a questo progetto, non può fare altro che esprimere la propria soddisfazione per questo primo atto ufficiale e, auspicando che le prossime tappe siano raggiunte nel minor tempo possibile, ringraziare chi, ad oggi, ha mantenuto le promesse fatteci poco più di un anno fa.

Associazione Impronte

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allumiere, Impronte: “Lanciata la volata verso il canile comprensoriale“

RomaToday è in caricamento