rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Scarichi abusivi e acque reflue nere: è allarme inquinamento sulle coste

I controlli della Guardia Costiera si sono verificati nello scarico di Grotta Barca, a Cerveteri, e sul litorale di Ladispoli nel fosso della Sanguinara

E' allarme inquinamento nella aree delle coste laziali di Cerveteri e Ladispoli. A scoprire i malfunzionamenti di alcuni scarsi sono stati gli uomini e le donne della Capitaneria di porto di Civitavecchia.

Dopo un sopralluogo eseguito congiuntamente ai tecnici dell'Arpa Lazio, il personale della Guardia Costiera ha accertato uno scarico di acque reflue nere sul fosso denominato Grotta Barca, nel Comune di Cerveteri, dovuto al malfunzionamento di un impianto di depurazione risultato privo di alimentazione elettrica e carente della necessaria manutenzione. Da ciò è stata ravvisata, a carico dei responsabili, deferiti alla competente Procura della Repubblica di Civitavecchia, l'ipotesi di reato di getto pericoloso di cose e inosservanza dei divieti di scarico al suolo.

Inoltre sono stati effettuati, dai tecnici dell’ARPA Lazio, mirati campionamenti delle acque finalizzati ad analizzare il grado di compromissione ambientale. Attività più recente è stata posta in essere nel Comune di Ladispoli, dove la Capitaneria è intervenuta per verificare la presenza di scarichi sul fosso denominato Sanguinara, corso d’acqua che sfocia nel litorale cittadino, già oggetto in passato di investigazioni ambientali per inquinamento.

Il sopralluogo effettuato ha portato alla scoperta di tre scarichi di liquidi maleodoranti, uno dei quali risultato non autorizzato. Sono in corso ulteriori accertamenti circa eventuali autorizzazioni rilasciate dal Comune di Ladispoli per gli altri due scarichi rinvenuti.

guardia costiera1-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scarichi abusivi e acque reflue nere: è allarme inquinamento sulle coste

RomaToday è in caricamento