Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Il mercato Esquilino “può riaprire anche il 27 aprile”

Si gioca la partita della collaborazione fra ASL e Municipio, l’amministrazione attende “un verbale puntuale” degli interventi da predisporre. La direttrice del servizio ispettivo: “Per le aree chiuse serve manutenzione quotidiana”

C’è accordo fra la ASL Roma 1 e il I Municipio sulle modalità della riapertura del Mercato Esquilino. Accanto a questo, c’è una cinghia di comunicazione che va un po’ oliata, forse, a livello comunicativo: secondo la ASL, il mercato può riaprire, “almeno parzialmente”, appena saranno terminati i lavori di bonifica a norma di legge. Il Municipio che sta già lavorando a marce forzate per ripristinare lo storico presidio, chiede però alle autorità sanitarie di fornire un elenco puntuale degli interventi da effettuare, così che si possa velocemente procedere e convocare poi gli uffici sanitari per ottenere il bollino verde. Secondo Sabrina Alfonsi, presidente del I Municipio, interrogata da Roma Today, per una riapertura parziale “intorno al 27 aprile” i tempi ci sarebbero.

La realtà è che la questione è intricata; l’impressione è che al mercato Esquilino, sigillato lo scorso 15 aprile, si sia andati un po’ troppo oltre le normali misure di prudenza e gestione sanitaria. A microfoni spenti abitanti del quartiere confermano quanto emerso dalle cronache: escrementi, roditori, scarso controllo e scarsa igiene la facevano da padroni. “E’ per questo”, conferma la minisindaca del I Municipio, “che abbiamo voluto prendere un’azione decisa. Per evitare che la ASL dopo una breve riapertura, richiudesse, come altre volte, abbiamo fatto nei giorni scorsi un’ispezione con la parte politica e i tecnici, con i sanitari e i banconisti per capire bene la situazione. Ci sono esercenti che non dovrebbero essere dove sono, c’erano tombini ostruiti, c’erano mercanzie a rischio di contaminazione. Chiediamo ora alla ASL, che oggi (venerdì 23, ndr) farà un’altra ispezione, di dirci precisamente cosa dobbiamo fare perché noi stiamo già agendo e siamo pronti a continuare. Appena sarà possibile ripristinare il mercato, magari tenendo chiusi quei banchi che ci saranno segnalati, lo faremo”.

Roma Today ha raggiunto al telefono la dottoressa Rosaria Marino, direttrice del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione per la ASL Roma 1: “Credo che l’ispezione di martedì sia stata utile, la Presidente del municipio e l’Amministrazione si sono resi conto che era necessario rimuovere problemi non solo legati alla gestione del mercato ma assumere delle decisioni complessive. La situazione del Mercato Esquilino è complessa, in parte i problemi possono essere legati alla gestione interna, ma altri derivano da come è gestito il territorio intorno al mercato e molto dall'azione di AMA. I banchi che devono essere ristrutturati non potranno riaprire; so che il municipio sta lavorando alacremente e appena sapremo che gli inconvenienti sono stati rimossi, potremo dare l’ok alla riapertura. Devo dire”, aggiunge Marino, “che rispetto a 20 anni fa in cui molti mercati erano all’aperto, sono stati fatti molti progressi. I mercati chiusi rispondono alle normative europee e consentono una migliore gestione, ma sono strutture articolate che necessitano di manutenzione ordinaria capillare, con un sistema di pulizia costante ed efficace. Se la pulizia è quotidiana e ben fatta”, continua la dirigente sanitaria, “non ci sono problemi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mercato Esquilino “può riaprire anche il 27 aprile”

RomaToday è in caricamento