Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Torpignattara: dna su borsa, banconote e caschi. Si stringe il cerchio sui killer

In mano agli investigatori potrebbero esserci già degli identikit. Si tratterebbe di due cittadini del Maghreb. Ad incastrarli ci sarebbe anche un video. Il fatto però non ha per ora ricevuto conferme

Il dna sulla borsa, sui caschi e sulle banconote. Le tracce di sangue sui soldi abbandonati nel casolare. Forse un video, con gli attimi della fuga a bordo del SH300 rubato. Il puzzle che dovrebbe portare alla cattura dei killer di Zhou e della sua piccola Joy è ormai quasi del tutto composto, tanto che in mano agli investigatori potrebbero esserci già degli identikit. Si tratterebbe di due immigrati maghrebini che i carabinieri starebbero cercando con la speranza che non abbiano già preso un treno per chissà dove o peggio ancora una nave che li ha portati lontani dall'Italia.

I SOLDI ABBANDONATI – Il puzzle ricomposto contiene delle risposte a quelli che erano fino a ieri dei misteri. Perché i rapinatori hanno abbandonato i soldi? Da un lato le tracce su molte banconote le hanno rese di fatto non spendibili. Dall'altro il passaggio nel casolare di via Fieramosca, dove la borsa è stata ritrovata,  è quasi un “obbligo” per i rapinatori. Qui infatti spesso i rapinatori scaricano la refurtiva che scotta per farla “raffreddare” per poi recuperarla quando la pressione delle forze dell'ordine si allenta. Probabile quindi che i rapinatori volessero solamente far scemare l'attenzione nei loro confronti e poi recuperare, in tranquillità, i soldi.

VIDEO - In mano ai militari ci sarebbe (le conferme però in proposito mancano) un video che riprende i killer sullo scooter. Dalle immagini si sarebbe riusciti a capire che il mezzo utilizzato è un SH300 rubato in autunno. Riconosciuti anche i caschi, identici a quelli abbandonati nei pressi di via Fieramosca.

IL PROFILO – Dai caschi, come dalle banconote e dalla borsetta, è stato estratto del codice genetico che sarà fondamentale per risalire ai killer. L'attività del Ris ora è rivolta ad isolare il Dna delle vittime da quello dei rapinatori. Questi ultimi però non sarebbero più cercati tra i tossicodipendenti della zona, ma tra gli immigrati. Si ipotizza in particolare un legame tra l'attività di money transfer e i due rapinatori. In pratica è possibile che quelli che poi sono diventati killer possano essere dei clienti di Zhou e per questo informati sull'enorme quantità di denaro in possesso del 31enne cinese.

 

 

IL FATTO: UCCISI PADRE E FIGLIA DI 9 MESI

Duplice omicidio a Torpignattara: ritrovata borsa con diecimila euro

ITALIANI E CON ACCENTO ROMANO: E' CACCIA AI KILLER

IL QUARTIERE SCONVOLTO: "SONO ANIMALI"

IL SINDACO:"FINITA LA PAZIENZA DEI ROMANI. FERMARE LE BELVE"

CAMPIDOGLIO PROCLAMA IL LUTTO CITTADINO

RESIDENTI IN SIT-IN: NO ALLA VIOLENZA

Duplice omicidio a Torpignattara: ritrovata borsa con diecimila euro

L'AMBASCIATA CINESE: ITALIA PRENDA GLI ASSASSINI

MARTEDI' 10 GENNAIO LA FIACCOLATA DI SOLIDARIETA'

LA RABBIA CORRE SUL WEB

TROVATA LA BORSA CON 16.000 EURO

QUARTIERE A LUTTO, FIORI E CANDELE PER ZHOU E JOYCE: LE FOTO

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torpignattara: dna su borsa, banconote e caschi. Si stringe il cerchio sui killer

RomaToday è in caricamento