Cronaca

Roma-Lido, i passegeri: "Siamo abbandonati. Situazione disastrosa"

"Ci siamo aiutati tra di noi, ma alcuni anziani sono rimasti sul treno perché non riuscivano a scendere", denuncia una pendolare. Il 'Comitato Utenti Metro Roma Lido' tuona: "Basta interventi tampone"

La tipica goccia che ha fatto traboccare un vaso già stracolmo. E' questo il pensiero comune dei pendolari della Roma-Lido che ogni giorno si avventurano in quello che sembra sempre più un viaggio della speranza: "Oggi è stato il culmine di una situazione già quotidianamente disastrosa", hanno detto in coro alcuni passeggeri che si trovavano sul treno che si è fermato nei pressi della stazione Magliana e ormai gli ultimi ad essere rimasti ancora sul posto. 

Dopo ore di attesa accalcati in piedi nel convoglio, tra malori e persone infuriate i pendolari sono stati fatti scendere. "Ci hanno fatto uscire a circa 500 metri dalla stazione e nessuno ci ha prestato assistenza. Ci siamo aiutati tra di noi, ma alcuni anziani sono rimasti sul treno perché non riuscivano a scendere. - racconta Alessandra - Sono partita da casa, in zona Casal Bernocchi, alle 8 e in ufficio a via Nazionale non sono mai arrivata. Siamo stufi". Le fa eco Paola, un'altra passeggera: "Sono stata costretta a prendermi un giorno di ferie. I treni non sono adeguati per accogliere un bacino di utenza così ampio". Così come Thomasz che su 'Facebook' scrive: "Sono vivo, probabilmente mi licenzieranno perché non sono andato a lavoro ma sono vivo. Già è qualcosa".
 
Il prossimo 7 marzo ci sarà una riunione per parlare della situazione della tratta ma nel frattempo il 'Comitato Utenti Metro Roma Lido' tuona: "Basta interventi tampone, sono ancora insufficienti e inadatte le soluzioni preventivate e riteniamo necessario. Chiediamo investimenti sui sistemi di comunicazione del servizio su tutta la tratta ed in particolar modo nelle stazioni di raccordo con la linea B. Procedure chiare e trasparenti in caso di guasti tecnici o di altra natura che permettano a noi utenti ed al personale di conoscere in tempo reale lo stato dell'arte del servizio. Ammodernamento del sistema di comunicazione tra le stazioni. Resta ancora da chiarire il termine della messa in sicurezza del Ponte di Ostia Antica e il rafforzamento della massicciata nei punti di rallentamento. L'aumento del costo del biglietto è inaccettabile visto che il servizio non è adeguato alla spesa e che molto ancora si può fare per l'evasione. Auspichiamo che a tali interrogativi sia data una adeguata risposta durante l'incontro che verrà organizzato con le Associazioni dei consumatori e i Comitati dei pendolari della Roma-Lido"
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma-Lido, i passegeri: "Siamo abbandonati. Situazione disastrosa"

RomaToday è in caricamento