rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Cronaca Ardea / Via del Pettirosso

Pensionata morta in casa, la pista dell'omicidio: il punto sulle indagini

Graziella Bartolotta è stata trovata in un lago di sangue dalla sua collaboratrice domestica che la aiutava in casa. Al momento non nessuno è indagato. Oggi l'autopsia

Chi indaga non vuole sentire parlare di "giallo". Eppure cosa sia accaduto lo scorso martedì 28 settembre in via del Pettirosso nella zona di Tor San Lorenzo, ad Ardea, resta ancora tutto da chiarire.  

La Procura di Velletri ha infatti aperto un fascicolo per omicidio in relazione alla morte di Graziella Bartolotta, una pensionata di 68 anni, trovata morta con una ferita alla testa nel pomeriggio del 28 settembre, nel suo appartamento. A condurre le indagini sono i carabinieri della compagnia di Anzio, coordinati dal procuratore Giancarlo Amato. L'abitazione della donna, una di quelle villette a due piani che popolano il comune a sud di Roma, è stata sequestrata. Una prassi in questi casi, per non farsi sfuggire nessuna possibile traccia. Così come una prassi sono le dichiarazioni raccolte dai militari dell'Arma che hanno ascoltato la badante della vittima e il figlio della 68enne trovata morta.

Chi ha trovato il cadavere di Graziella Bartolotta 

A scoprire il cadavere di Graziella Bartolotta, è stata proprio la signora che la aiutava nelle faccende domestiche: l'ha trovata riversa a terra in un lago di sangue. A chiamare il 112, invece, è stato un vicino che ha sentito le urla della donna alla vista del corpo senza vita di Graziella Bartolotta. Sul posto, oltre al 118, i carabinieri della stazione di Marina di Tor San Lorenzo e della compagnia di Anzio che hanno avvisato il pm della procura di Velletri.

Dall'ispezione del medico legale è stata quindi subito riscontrata la vistosa ferita alla testa e da lì sono iniziate le indagini. Il fatto che possa trattarsi di un omicidio, è concreto. Almeno secondo la prima fase di indagine. Importante, se non decisiva, in se tal senso sarà l'autopsia. Sarà infatti solamente dopo l'esame medico, determinare se quella ferita alla testa possa essere riconducibile ad una caduta o, secondo l'intuito degli inquirenti, la donna possa essere stata colpita da un oggetto. Così come bisognerà capire anche l'orario della morte.

Le ipotesi al vaglio

Graziella Bartolotta era vedova e aveva problemi di salute che ne limitavano gli spostamenti. Ecco perché contava sull'aiuto di una collaboratrice domestica romena che, dopo aver trovato il corpo della 68enne, è stata ascoltata i carabinieri della compagnia di Anzio. Una prassi in questa fase.

Gli investigatori dell'Arma non escludono che la padrona di casa sia stata uccisa, forse nel corso di un tentativo di furto. Sul caso c'è infatti il riserbo. L'appartamento è stato comunque trovato in ordine, ma ancora non è chiaro se qualche oggetto sia stato o meno rubato. Così come è presa in considerazione la possibilità che la vittima possa aver aperto le porte della propria casa ad una persona che conosceva prima di morire.

I carabinieri stanno scavando proprio nella cerchia di persone che conoscevano Graziella Bartolotta. E per questo motivo sono scattati accertamenti anche sul telefonino e sui contatti della vittima nelle ore che hanno preceduto la sua morte al momento misteriosa.

Ascoltato il figlio di Graziella Bartolotta

Sotto l'appartamento di Bartolotta vive il figlio della donna. Anche lui è stato ascoltato dai carabinieri. Ha raccontato di non aver sentito nulla di sospetto e che non era in casa. Secondo l'uomo, si sarebbe trattato di un incidente domestico. Per dipanare i dubbi, i militari hanno sequestrato il suo cellulare, quello della badante romena e anche quello della vittima. Nessuno è stato iscritto nel registro degli indagati. Neanche l'altro figlio di Bartolotta, che non vive ad Ardea.

Incidente o omicidio?

La pista dell'omicidio viene battuta, ma - al tempo stesso - ad oggi non si esclude neppure che la 68enne possa essere caduta in seguito a un malore improvviso e abbia sbattuto il capo. La pensionata si muoveva in casa con un supporto che ne aiutata la deambulazione. La collaboratrice domestica ha trovato Bartolotta nel bagno, vestita. La donna è scivolata battendo la testa oppure è stata uccisa? Oggi l'esame autoptico dirà di più.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensionata morta in casa, la pista dell'omicidio: il punto sulle indagini

RomaToday è in caricamento