rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Bimba morta nel terremoto di Amatrice: ritrovata la sua medaglietta, la storia di Giulia ha un lieto fine

La mamma: "Questo è un messaggio che per me ci manda a tutti mia figlia Giulia"

Anche dalle storie brutte, orribili, possono nascere fiori. Ha un lieto fine le vicenda della medaglietta con una foto di Giulia, la bambina di 8 anni morta nel terremoto di Amatrice. Il ciondolo era stato smarrito dal papà Fabio Rinaldo e ieri è stato recuperato. Le tantissime condivisioni su Facebook hanno reso possibile quello che sembrava solo un sogno. 

Ieri il ritrovamento. "Fabio ha cercato su internet il numero del chiosco dove ci eravamo fermati a mangiare - racconta la moglie Michela -. L'ha fatto così, d'istinto. Chi ha risposto ha detto che avrebbe controllato. Dopo pochi minuti gli ha mandato su WhatsApp la foto della medaglietta. Andremo a riprenderla sabato mattina. Ci siamo abbracciati".

"Volevo dire alle quasi 50mila persone che hanno condiviso il mio post su Facebook che la medaglietta con il volto di mia figlia Giulia è stata ritrovata. Grazie a tutti di vero cuore per la vostra solidarietà. Sono veramente felice", ha scritto il papà. 

"Tutto questo che è successo deve servire a qualcosa. Questo è un messaggio che per me ci manda a tutti mia figlia Giulia. Di gente buona ce n'è tanta nel mondo bisogna solo essere umili in tutto quello che si dice e che si fa, ricordatevi sempre come dico con poco possiamo fare molto, questo è il nostro motto dell'associazione 'Immensamente Giulia e gli angeli delle macerie Onlus'. Io non ci posso pensare che 50.000 persone ci sono state accanto, vi ringrazio ancora una volta con tutto il mio cuore", ha aggiunto Michela, moglie di Fabio e mamma di Giulia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimba morta nel terremoto di Amatrice: ritrovata la sua medaglietta, la storia di Giulia ha un lieto fine

RomaToday è in caricamento