Giallo Anguillara: "Ho affidato mia figlia al ragazzo e non l'ha riportata"

Il padre e la madre di Federica Mangiapelo in onda su Canale 5 raccontano la notte della morte della figlia

Ho affidato mia figlia Federica al ragazzo e non me l'ha più riportata". Lo ha detto Gino Mangiapelo, padre della sedicenne trovata morta sulla spiaggia del lago di Bracciano a Vigna di Valle,  la mattina del primo novembre, in un'intervista rilasciata alla trasmissione 'Domenica Live' di Canale 5. "Federica - ha detto l'uomo - è uscita di casa alle 22.30 per festeggiare Halloween con il ragazzo. All'alba, non avendola vista rientrare, ho cominciato a chiamarla al cellulare ma era irraggiungibile. Poi sono uscito per cercarla e in un bar ho saputo che avevano trovato una ragazza morta in riva al lago. Sono partito immediatamente e quando ho visto il sindaco di Anguillare Sabazia venirmi incontro - ha sottolineato - ho capito tutto e mi è crollato il mondo addosso".

TROPPO GRANDE - Domenica Live nella quale è intervenuta anche la mamma che ha raccontato di quanto non vedesse di buon occhio il fidanzato troppo più grande della figlia: "Federica - ha aggiunto il padre - viveva con me. Era felice ad ogni ora del giorno di tutte le cose che faceva, salvo quando rientrava dopo essere stata in compagnia del fidanzato. Allora stava ore al cellulare, era ossessionata, ed erano continui litigi". "Federica era dolcissima, una ragazza solare. Trascorreva con me molto del suo tempo, al centro in cui lavoro perché amava i bambini. Ultimamente avevamo bisticciato perché non accettavo il suo ragazzo - ha raccontato Rosella, la madre -. Non l'accettavo perché ritenevo che una ragazza della sua età dovesse frequentare un ragazzo più giovane, anche se all'inizio non c'erano problemi. Quando, però, ho visto che mia figlia stava male per i continui litigi con lui non l'ho più accettato".

NESSUNA DROGA - Genitori che hanno escluso categoricamente che Federica abbia mai fatto uso di sostanze stupefacenti: "Federica aveva paura. Anche in seguito a quel 'piccolo male' di cui aveva sofferto a 10 anni. Aveva dovuto prendere delle medicine e per questo aveva paura. Ma si è trattato di episodi legati ad un periodo della sua crescita. Episodi che sono stati tenuti sotto controllo e che si sono risolti. Mia figlia era una ragazza sana e conduceva una vita regolare". Gino Mangiapelo, ha poi aggiunto che lui e la moglie (dalla quale è separato) non accusano nessuno ma vogliono sapere la verità sulla morte di Federica. "Quello che speriamo - ha detto la madre Rosanna - è che chi ha sbagliato si penta e ci chieda scusa. Noi speriamo che si sia trattato di uno sbaglio". Alla domanda se si riferisse a qualcuno in particolare, la donna ha risposto: "mi riferisco a colui che ha portato mia figlia in quel posto in cui è stata trovata morta, a colui che l'ha lasciata sola in quel posto di notte, sotto la pioggia". Infine i genitori di Federica hanno detto di non sapere ancora di cosa sia precisamente morta la figlia. "Speriamo - hanno concluso - che gli inquirenti riescano a scoprire e a farcela conoscere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

Torna su
RomaToday è in caricamento