rotate-mobile
Cronaca Via Celio Vibenna

Aggressione omofoba al Celio: "Viva il Duce, morirete di Aids"

La denuncia è del Gay center. Uno degli aggrediti ha sporto denuncia alla Polizia. Il portavoce Fabrizio Marrazzo: "Ci sono bande di bulli, gruppi che usano la violenza, ma anche molti che rimangano inerti ad osservare senza reagire"

Ancora omofobia a Roma, ancora in pieno centro. Stavolta la barbarie si è materializzata in via Celio Vibenna a due passi dal Colosseo. A raccontarla è il GAy Center in una nota. Vittime Luca  e un suo amico. I due stavano camminando nella notte del 12 gennaio quando sono stati rincorsi da un gruppo di 10 ragazzi circa tra i 20 e i 25 anni che hanno iniziato a insultarli gridando frasi come 'ecco un frocio, ecco un altro, andate via dall'Italia, tanto morirete di Aids' e altri epiteti vari. Uno degli aggressori li ha minacciati con una bottiglia che si è rotta a poca distanza dai due amici. Il gruppo di aggressori gridava "Viva il Duce".

Luca e il suo amico sono riusciti fortunatamente ad allontanarsi e a chiamare il 113.

Fabrizio Marrazzo denuncia: "Ci sono bande di bulli, gruppi che usano la violenza, ma anche molti che rimangano inerti ad osservare senza reagire, come se condividessero tali azioni. - prosegue la nota - Aspettiamo l'esito delle indagini augurandoci che questi aggressori vengano identificati, ma il dato delle denunce di aggressioni verbali o fisiche è purtroppo alto. Il fatto che Luca sia regolarmente sposato in Spagna stona ancor di più con quanto avviene da noi. Dove non solo le coppie non hanno diritti, ma come è accaduto spesso sono vittime di aggressioni. A chi dice che l'omofobia in Italia non esiste e che non c'è bisogno di norme che la contrastino consigliamo di prendere nota di questa e di altre aggressioni. Servono aggravanti di pena per reati come questo e norme che contrastino l'omofobia. Il caso è stato segnalato all' OSCAD, osservatorio di Polizia e Carabinieri contro le discriminazioni ed all'UNAR, ufficio contro le discriminazioni della Presidenza del Consiglio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione omofoba al Celio: "Viva il Duce, morirete di Aids"

RomaToday è in caricamento