rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca Tufello / Via Monte Taburno

Marco 'mezza recchia' gambizzato in casa: si indaga tra gli ambienti dello spaccio

Il nome di Marco Canali, vittima dell'agguato di mercoledì al Tufello, appare nell'inchiesta che sgominò una banda di pusher nel 2018

Marco Canali detto 'mezza recchia'. Un volto noto tra chi spaccia droga a Roma nella zona del Tufello. È lui la vittima della violenta gambizzazione avvenuta mercoledì pomeriggio.

Un agguato reso cruento per le modalità in cui si è consumato. Non in strada, come accadde nella prassi criminale, bensì in casa. Chi ha sparato, insieme a un complice, ha fatto irruzione nell'appartamento di Canali e lo ha gambizzato mentre era ancora a letto. Nel suo appartamento, appunto, neanche sull'uscio. Che sia stata una dichiarazione di guerra tra bande invece di un semplice - si fa per dire - avvertimento? La polizia che indaga studia anche come risolvere questo quesito. Canali è stato portato all'Umberto I. Resta in gravi condizioni ma non sarebbe in pericolo di vita.

Nelle prossime ore sarà ascoltato dagli investigatori. La pista dello spaccio di droga è la più plausibile. Il nome del 46enne, detto 'mezza recchia', era apparso in una maxi operazione che sgominò la piazza di spaccio dei fratelli Primavera nel 2018. La banda degli Intoccabili, così fu identificata quella operazione.

La piazza di spaccio era operativa tra i caseggiati di via Tonale, via Monte Petrella, via Monte Crocco e via Monte Epomeo. Canali, secondo la ricostruzione dell'epoca, fu estraneo all'associazione ma gravemente indiziato di spaccio di sostanze stupefacenti. L'anno dopo finì nei guai per una rapina. Un personaggio noto, appunto, ma non un pesce grande secondo chi indaga.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marco 'mezza recchia' gambizzato in casa: si indaga tra gli ambienti dello spaccio

RomaToday è in caricamento