menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa

Foto Ansa

Gaia e Camilla morte a Corso Francia: Pm chiede il giudizio immediato

Nei confronti di Pietro Genovese, che si trova ai domiciliari, l'accusa è di omicidio stradale plurimo

I pm di Roma hanno chiesto il giudizio immediato per Pietro Genovese, il giovane che ha investito ed ucciso, la notte del 21 dicembre scorso Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli su Corso Francia.

Il Procuratore aggiunto Nunzia D'Elia e il sostituto Roberto Felici hanno depositato la richiesta di immediato cautelare che porta il procedimento direttamente in aula saltando la fase dell'udienza preliminare. Nei confronti di Genovese, che si trova ai domiciliari, l'accusa è di omicidio stradale plurimo.

Secondo quanto ricostruito Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli la notte dell'incidente si trovavano in corso Francia, nella zona di Ponte Milvio, quando, dopo la mezzanotte, sono state investite da un suv, guidato dal ventenne, mentre attraversavano la strada.

Il ragazzo si è fermato subito dopo lo schianto e ha atteso l'arrivo dei soccorsi. Genovese era stato a una cena e poi si era messo alla guida, diretto a una festa.

Le analisi del perito Mario Scipione hanno poi dimostrato che le due minorenni non fossero sulle strisce pedonali. Il perito ha visionato l'auto posta sotto sequestro, ha studiato i rilievi effettuati dalla polizia locale e ha verificato il punto d'urto, la corsia percorsa, la sincronizzazione dei semafori e le condizioni di visibilità al momento dello scontro. Mesi di indagini per capire se Gaia e Camilla erano veramente sulle strisce, oppure no. La perizia conferma, ad ogni modo, il quadro che già era emerso in un primo momento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento