Maxi furto da Primark, escono con 362 capi d'abbigliamento nei passeggini

Le due ladre sono state fermate e arrestate dai carabinieri. Denunciata una loro complice di 16 anni

Immagine di repertorio

Si sono finte clienti e, con due neonati in braccio, hanno fatto spesa "gratis" da Primark, il noto store aperto nel centro commerciale Maximo di Roma. Le due donne, infatti, sono uscite dal negozio senza pagare ben 362 capi d'abbigliamento. A fermare quello che sarebbe stato un colpo da 2662 euro, i carabinieri del Nucleo Operativo dell'Eur che le hanno bloccate. 

Le due donne, romene di 33 e 35 anni di Ardea, sono state così arrestate. A finire nei anche una loro complice, una 16enne, denunciata. 

Ma come hanno fatto le due donne a rubare tutti quei vestiti da Primark? Nel negozio non c'è l'antitaccheggio ma un sistema di "certificazione" differente: quanto si entra i commessi consegnano una borsa nera, all'uscita e una volta quindi pagati gli acquisti, ne viene consegnata una bianca per attestare la corretta transazione. 

Le due romene, che si sono finte mamme clienti con tanto di neonati in braccio, hanno riempito i loro passeggini di merce per poi utilizzare delle borse bianche che avevano già, frutto di un precedente acquisto sempre da Primark. 

Ad infrangere il loro piano, il vigilante del negozio che notato il passo svelto delle due ha così allertato le forze dell'ordine. I carabinieri, sulle loro tracce, le hanno quindi bloccate all'uscita del Maximo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento