Cronaca

Prima il 'cavallo di ritorno', poi la rapina e l'aggressione a danno del turista: 4 arresti

La banda incastrata dai carabinieri dopo il furto di una borsa contenente un pc ed un telefono cellulare in un bar di Vicovaro

Pacco e contropacco, in mezzo un furto, una aggressione ed un tentativo di rapina. A metterli in atto a Vicovaro, Comune della Valle dell'Aniene, quattro uomini del posto, poi arrestati dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Tivoli e della Stazione di Vicovaro. A finire in manette per aver messo in atto una estorsione con la tecnica del cosiddetto 'cavallo di ritorno' ai danni di un turista svizzero di 67 anni quattro uomini del posto, un 41enne sottoposto alla misura dell’obbligo di firma, un 37enne sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora, un uomo di 42 anni sottoposto alla misura dell'avviso orale ed un 34enne, anch'egli con precedenti. 

FURTO AL BAR - I fatti hanno cominciato a prendere corpo domenica 20 novembre in un bar di Vicovaro dove i quattro hanno dapprima derubato una valigetta al cittadino svizzero contenente un personal computer, un telefono cellulare e alcuni documenti personali, e successivamente lo hanno contattato estorcendogli la somma di 400 euro per la restituzione della refurtiva.

PACCO E CONTROPACCO - I Carabinieri della Compagnia di Tivoli, acquisita la notizia di reato, hanno immediatamente predisposto un articolato servizio di osservazione finalizzato a monitorare lo scambio di denaro tra la vittima ed i suoi aguzzini che, presentandosi puntuali all’appuntamento ed ignari che ad aspettarli vi fossero anche i Carabinieri, gli hanno mostrato prima una busta con delle scatole nella quale riferivano falsamente che vi fossero contenuti gli oggetti a lui rubati, e poi, a seguito della insistente richiesta della vittima di appurare cosa effettivamente vi fosse all’interno, i malviventi lo hanno aggredito e rapinato asportandogli parte della somma di denaro a lui richiesta a titolo estorsivo. 

CONVALIDA DEGLI ARRESTI - A questo punto è scattato il tempestivo intervento dei Carabinieri che hanno protetto la vittima e contestualmente arrestato i quattro rapinatori, recuperando il denaro sottratto. A seguito dell’udienza di convalida, i quattro estorsori si trovano presso il carcere di Rebibbia a disposizione della Procura della Repubblica di Tivoli, titolare del fascicolo processuale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima il 'cavallo di ritorno', poi la rapina e l'aggressione a danno del turista: 4 arresti

RomaToday è in caricamento