Furti alla RomaOstia, gli organizzatori: "Nessuna responsabilità. Atleti vengano con Roma-Lido"

Il Comitato Organizzatore interviene sulla vicenda dei danneggiamenti e dei furti subiti dagli atleti che hanno partecipato all'ultima RomaOstia: "Abbiamo già posto l'accento in passato sulla questione sicurezza"

Tiene ancora banco la questione relativa ai furti subiti dagli atleti durante l'ultima RomaOstia. La vicenda raccontata dai podisti del gruppo sportivo abruzzese di Luco dei Marsi ha fatto in poco tempo il giro del web. Un'odissea raccontata con foto denunce che fa il paio all'intervento del 12 marzo, giorno della gara, dei Carabinieri di Tor de' Cenci che hanno intercettato nei pressi di Castel di Decima un'auto piena di refurtiva rubata agli atleti

Dopo quattro giorni dai fatti, finalmente, il comitato organizzatore della RomaOstia si è espresso sulla vicenda attraverso un lungo comunicato in cui viene illustrate le mosse messe in atto dei responsabili e lanciate alcune domande per migliorare, in futuro, il servizio.

"Dopo simili episodi incresciosi accaduti lo scorso anno, erano state allertate le autorità competenti richiedendo un intervento per avere un maggiore controllo dei parcheggi. I controlli quest'anno sono stati effettivamente incrementati ma, evidentemente, purtroppo comunque non sufficienti. Ovviamente si tornerà anche in futuro a sensibilizzare le autorità su questo aspetto sollecitando il loro supporto per una maggiore garanzia di sicurezza", sottolineano.

Gli organizzatori della RomaOstia ricordano che le ampie aree adibite al parcheggio sono "spazi pubblici per i quali il comitato non può assumersi alcuna responsabilità per eventuali danni e furti ai mezzi privati", così come anche riportato nel foglio informazioni a disposizione di tutti gli atleti e presente anche sul sito ufficiale della mezza maratona in italiano, inglese e francese.

"Ci siamo presi qualche giorno per riflettere e ovviamente abbiamo un anno a disposizione per migliorare la situazione per l'edizione 2018. Abbiamo sempre consigliato ai partecipanti di usare il trasporto pubblico per raggiungere l'area partenza e per rientrare a Roma, oppure il servizio di deposito e trasporto borse offerto dalla nostra organizzazione. Per chi alloggia negli hotel convenzionati con la RomaOstia è inoltre disponibile un servizio di navetta e trasporto borse fornito dagli alberghi stessi al costo di 12 euro a persona - continua la nota. - La Roma-Lido è perfettamente integrata con le linee metropolitane, ben collegando quindi il litorale di Roma con il cuore della città. Rispetto alla scarsa frequenza dei treni e alle relative difficoltà riscontrate nelle passate edizioni della RomaOstia, il servizio è stato potenziato nella giornata della nostra manifestazione proprio per fronteggiare il flusso di persone che terminano la gara e rientrano in città. Laddove un atleta effettua una scelta diversa da quella proposta dagli organizzatori, ovviamente il comitato non risponde per la scelta effettuata dall'individuo o dal gruppo sportivo".

Gli organizzatori della RomaOstia aggiungono anche che "il nostro suggerimento di usare il mezzo pubblico, è finalizzato anche a limitare il congestionamento del traffico ad Ostia cercando quindi di contenere il disturbo ai residenti del litorale, sia in termini di inquinamento atmosferico che acustico". Insomma, è chiaro, oltre la proposta standard composta da "trenino + trasporto/deposito borse" al momento non ci sono alternative, tranne quelle adottate dai privati cittadini-corridori.

Così il comitato ha iniziato a vagliare alcune alternative, ognuna con delle criticità come quella di istituire un servizio di sorveglianza privata. "Per fare questo andrebbe delimitata l'area da sottoporre a sorveglianza privata. Delimitare un'area vorrebbe dire limitare il numero degli aventi diritto, ma poi sorgerebbero altre questioni relative su come individuare gli aventi diritto o su chi controllerebbe i requisiti oppure su quanto far pagare agli atleti non conoscendo il numero degli effettivi interessati".

Problematiche, queste, che il comitato organizzativo della RomaOstia dovrà porre l'accento in vista del 2018: "Nei prossimi mesi rifletteremo sul contattare eventualmente società di sorveglianza privata o sull'effettuare convenzioni con autorimesse private in prossimità delle zone di partenza e arrivo. Di sicuro quello che invece adesso ci preme è di esprimere la nostra solidarietà a chi ha subito danni e furti e ribadire che ci dispiace molto per la brutta esperienza vissuta da questi atleti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento