menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ripulivano le vetrine dei negozi di telefonia senza lasciar traccia, un arresto

La tecnica scoperta dai carabinieri. Diversi i negozi di telefonia ripuliti nella zona di Anzio e Nettuno. Caccia al complice riuscito a far perdere le proprie tracce

Ripulivano le vetrine dei negozi di telefonia senza lasciare segni di effrazione. A scoprire la nuova frontiera del furto di cellulari i carabinieri di Anzio. Le indagini dei Militari dell'Arma dopo diversi furti segnalati in molteplici attività commerciali del litorale sud di Roma. A finire in manette un cittadino georgiano di 26 anni, caccia al complice riuscito a dileguarsi prima di essere fermato.  

MODUS OPERANDI - In questi mesi, infatti, erano stati segnalati diversi furti presso i centri di telefonia con una tecnica certamente particolare: gli attori, sempre in due, sono uomini che entrando nelle attività si guardavano intorno per adocchiare le vetrine e indirizzare la loro attenzione sui cellulari di maggiore valore. Mentre il più basso dei due si posizionava frontalmente alla vetrina, quello più alto, approfittando anche della confusione creata dagli altri clienti, si posizionava di spalle, a contatto con il complice, con la duplice funzione di “palo” e di “eclissi” del suo compare il quale, nel frattempo, dotato con ogni probabilità di una sorta di passepartout, riusciva ad aprire la vetrina dove erano esposti i telefoni, senza lasciare segni di effrazione.

L'ULTIMO COLPO - L’altra sera, per loro sfortuna, le loro 'manovre' non sono passate inosservate ad una commessa che ha immediatamente chiamato il “112”. I Carabinieri della Stazione di Anzio, intervenuti in pochi minuti, hanno bloccato un cittadino georgiano di 26 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine e di fatto senza una fissa dimora. Il suo complice, invece, è riuscito a darsi alla fuga prima dell’arrivo dei Carabinieri: l’uomo è attivamente ricercato. Il 26enne è stato trattenuto in caserma in attesa di essere giudicato con il rito direttissimo.

FURTI AD ANZIO E NETTUNO - Le indagini dei Carabinieri stanno proseguendo al fine di verificare le eventuali responsabilità dei due malviventi in ordine ad altri furti commessi con le stesse modalità, negli ultimi mesi, fra Anzio e Nettuno. Una tecnica nuova questa per l’apertura degli espositori nei negozi, ad opera dei cittadini georgiani, già tristemente noti per essere “esperti” nell’apertura delle porte degli appartamenti, così come hanno dimostrato diverse attività di indagine condotte negli ultimi anni dai Carabinieri di Roma.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento