rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

Rubati all'obitorio e rivenduti nei chioschi: il business dei fiori al cimitero Flaminio

Due persone sono state colte in flagrante e arrestate ieri mattina. I fiori vengono spesso rivenduti nei banchetti esterni al cimitero, le indagini proseguono per capire se i due facciano parte di una banda

Fiori e corone depositate per i defunti rubate dalla Madonnina davanti alle camere mortuarie. Presi per essere rivenduti ai fiorai dei chioschi posizionati all'ingresso. Ci troviamo a Prima Porta, nel cimitero Flaminio. Ieri mattina intorno alle 8 e 30 due persone, un uomo di 57 anni di origine egiziana, e una ragazza romena di 22, sono stati colti in flagrante dai militari della stazione Prima porta, intenti a depredare la camera mortuaria da fiori e corone. Subito arrestati per furto aggravato in concorso, sono in attesa del rito per direttissima. 

Gli inquirenti sospettano che i due possano far parte di una banda dedita a questo tipo di colpi. La coppia infatti rivendeva ai fiori il bottino, gli stessi che riforniscono il cimitero ma anche gli organizzatori dei matrimoni. Dall'obitorio al banchetto nuziale. Le indagini proseguono per ricostruire le attività e capire se effettivamente ci sia dietro un business ben strutturato. 

Un fenomeno quello dei furti nei cimiteri che si ripete puntuale anche sulle tombe dei defunti, regolarmente depradate non solo di fiori e corone. Portacandele, croci, vasi restano nel mirino dei predoni di metalli. Con denunce e segnalazioni continue da parte dei cittadini. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubati all'obitorio e rivenduti nei chioschi: il business dei fiori al cimitero Flaminio

RomaToday è in caricamento