I funerali di Willy, il campo sportivo si tinge di bianco: lunghi applausi e palloncini in cielo

Centinaia di persone per l'ultimo saluto a Willy Monteiro Duarte, ucciso a Colleferro. Il vescovo: "Fatto esecrabile". Conte abbraccia la famiglia e detta la linea dura: "Condanne severe e certe"

Foto Ansa Angelo Percossi

Tanta commozione e un lungo applauso: così è stato accolto il feretro di Willy Monteiro Duarte, il 21enne di Paliano ucciso nella notte tra il 5 e il 6 settembre a Colleferro. Centinaia le persone arrivate al campo sportivo 'Piergiorgio Tintisona' per i funerali di Willy: mascherine sui volti segnati dal dolore, ingressi contingentati e misurazione della temperatura. Molti i presenti rimasti fuori dall'impianto per il raggiungimento della capienza massima consentita: anche loro si sono uniti all’applauso che ha squarciato il silenzio della cittadina in lutto. 

I funerali di Willy: maglie e palloncini bianchi al campo sportivo di Paliano

Uno stuolo umano di magliette bianche quello che ha riempito il campo sportivo allestito per l’ultimo saluto a Willy. Il bianco, il colore dell'innocenza e del candore, scelto dalla famiglia del giovane per ricordarlo assieme ai suoi amici e alle autorità presenti. La bara, marrone chiara, ricoperta di rose bianche, posizionata su un piccolo palco dove Bruno Conti ha lasciato una maglietta della Roma, la squadra del cuore di Willy.

Il vescovo: "Fatto esecrabile, chiediamo a Dio anche forza per perdono"

A celebrare le esequie il vescovo di Tivoli, Matteo Parmeggiani: “Da domenica mattina ad oggi tante sono state le parole dette e scritte su un fatto esecrabile che stamane ci vede riuniti insieme per il quale il nostro cuore è profondamente scosso e colpito. Perché la morte barbara e ingiusta di Willy non cada nell’oblio, impegniamoci tutti - istituzioni, forze dell’ordine, uomini e donne della politica, della scuola, dello sport e del tempo libero, Chiesa, famiglie e quanti detengono le chiavi di un potere enorme, quello dei media - a comprometterci insieme, al di là di ogni interesse personale e senza volgere lo sguardo altrove fingendo di non vedere, a riallacciare un patto educativo a 360 gradi” - ha detto. 

“Chiediamo a Dio anche la forza per saper un giorno perdonare chi ha compiuto l'irreparabile - conclude l'omelia- Perdonare ma anche chiedendo che essi percorrono un cammino di rieducazione secondo quanto la giustizia vorrà disporre ed in luoghi, come ad esempio le carceri, che devono essere sempre più ambienti di autentica riabilitazione dell'umano". 

Il premier Conte ai funerali di Willy:  "No a mitologia della violenza"

Al termine della cerimonia il premier Giuseppe Conte ha abbracciato la madre e il padre del ragazzo, Lucia e Armando, e la sorella Milena: “L’Italia è con voi e vi vuole bene. Ora ci aspettiamo condanne severe e certe”. 

“Abbiamo seguito tutti questa vicenda di efferata violenza, non possiamo sottovalutarla nè minimizzarla, assolutamente no. Non possiamo degradarla a singolo episodio isolato. Dobbiamo guardarci in faccia e maturare piena consapevolezza che ci sono alcune frange, alcune sacche sociali fragili della popolazione, che coltivano la mitologia della violenza e della sopraffazione. Questa consapevolezza - ha detto alla stampa - deve mobilitarci tutti, a tutti i livelli: famiglie, genitori, insegnanti, politici, giornalisti. Tutti dobbiamo lavorare per un comune obiettivo: contrastare questa mitologia fino ad estinguerla".

Giuseppe Conte a Paliano per i funerali di Willy Monteiro (foto Ansa)

Una scuola intitolata a Willy

"Ora bisogna solo far sentire alla famiglia la vicinanza di tutti e pretendere presto giustizia. La Regione Lazio - ha annunciato il presidente, Nicola Zingaretti - sosterrà i familiari per le spese legali e uno degli istituti alberghieri del nostro territorio sarà dedicato a Willy". In Consiglio regionale bandiere a mezz'asta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine della cerimonia un altro lungo applauso ha accompagnato il volo di decine di palloncini bianchi e l'uscita della bara, baciata teneramente dalla sorella davanti alla folla sulla strada.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento