rotate-mobile
Cronaca Borgo / Via della Conciliazione

Roma blindata: attese 100mila persone per ricordare Benedetto XVI. Pronti cecchini e no fly zone

Tra oggi e domani renderanno omaggio alla salma il capo dello Stato Mattarella e i presidenti La Russa e Fontana. Poi il 5 gennaio i funerali Massime misure di sicurezza

Sono attese oltre 60 mila persone per il funerale di Benedetto XVI. Almeno 35 mila al giorno, invece, quelle previste nella zona di San Pietro dalla mattina del due gennaio fino al quattro sera. In sostanza la macchina della sicurezza di Roma, da oggi e fino al cinque gennaio, dovrà gestire l'afflusso e la presenza fissa di almeno centomila persone. Ecco perché in città, già da oggi, già scatta il piano che si muoverà con i crismi dell'anti terrorismo.

Lo spazio aereo sopra San Pietro, per esempio, il 5 gennaio sarà interdetto e ci saranno almeno mille agenti e 500 volontari per la sicurezza. Il servizio di sicurezza imponente, come già successo in passato per i funerali di Karol Wojtyla, vedrà la presenza anche di steward con il metal detector per sorvegliare l'accesso a piazza San Pietro. La macchina della sicurezza è già scattata e ci saranno controlli continui.

Afflussi quotidiani

La prefettura di Roma prevede, dalla mattina del due gennaio al quattro sera, dalle 30 alle 35 mila persone al giorno. Per i funerali, che si terranno il cinque gennaio, la stima è di un minimo di 50-60mila presenze. Il 4 gennaio, nel pomeriggio, ci sarà la chiusura al traffico delle auto di via della Conciliazione. L'ingresso sarà sia dalla parte destra sia dalla parte sinistra di San Pietro, e il deflusso sarà dal canale di uscita della Basilica. Un ruolo chiave sarà svolto dai cinquecento volontari della protezione civile, che avranno anche il compito di dare informazioni su code e attese.

carabinieri san pietro

Elicottero e cecchini

Vi saranno inoltre ambulanze, presidi sanitari e postazioni del 118. Anche la polizia di Roma Capitale ha predisposto un rafforzamento dei controlli e del numero di pattuglie nella zona. Oltre agli uomini della gendarmeria vaticana, sono previsti anche agenti in borghese. A controllare le zone, dall'alto, oltre che un elicottero anche i cecchini. La Questura capitolina sarà in stretto contatto con le autorità vaticane per la gestione dell'ordine pubblico.

Saranno inoltre potenziati i mezzi di trasporto pubblico e sono previste due aree di scambio, una ad Anagnina e una a Laurentina, per fare in modo che le persone che vengono con la propria auto abbiano la possibilità di parcheggiare in un quadrante completamente diverso della città, per poi raggiungere con metro e bus il centro della città e quindi la Basilica. Domani è previsto un ultimo briefing al comitato per l'ordine e la sicurezza. I funerali di Joseph Ratzinger saranno celebrati da Papa Francesco alle 9.30 del 5 gennaio in piazza San Pietro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma blindata: attese 100mila persone per ricordare Benedetto XVI. Pronti cecchini e no fly zone

RomaToday è in caricamento