Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Funerali di Diabolik in forma privata, la famiglia contro la decisione del Questore: "Faremo ricorso al Tar"

La decisione è arrivata nel pomeriggio di venerdì 9 agosto dalla Questura. La famiglia di Piscitelli farà ricorso al Tar

I funerali di Fabrizio Piscitelli, il capo ultrà della Lazio noto come Diabolik ucciso mercoledì nel parco degli Acquedotti, si terranno in forma privata martedì 13 agosto alle 6 del mattino presso la cappella del cimitero Flaminio. Saranno quindi adottate "tutte le cautele atte ad assicurare la tutela dell'ordine pubblico e delle sicurezza dei cittadini", è quanto si legge in un documento in possesso di RomaToday.

La decisione è del Questore Carmine Esposito. La famiglia di Piscitelli, che desiderava tenere la camera ardente in via Amulio, presso la sede degli Irriducibili, e svolgere la cerimonia funebre in un'altra chiesa, secondo quanto ha appreso il nostro quotidiano, ha annunciato che farà ricorso al Tar.

La lettera della moglie di Diabolik

Eventualità prevista nel documento. Al momento, quindi, non ci sarà nessun assemblamento di tifoserie o cerimonie in grande stile. Nel provvedimento si legge che è stato rilevato "il clamore mediatico che la notizia dell'omicidio ha suscitato e assunto sulle pagine delle testate nazionali, nelle emittenti nazionali e sui social network, con particolare riferimento alla partecipazione emotiva dell'intero contesto nazionale delle tifoserie".

Video: il pellegrinaggio dei tifosi al parco

"Tenuto conto degli ambiti e dei comportamenti che nel corso degli anni hanno visto Piscitelli coinvolto in articolate vicende giudiziarie per le quali ha anche subito una condanna penale e valutato che il rito funebre celebrato in forma pubblica, con grande risalto mediatico, così come si evince da alcuni articoli di stampa, potrebbe determinare gravi pregiudizi per l'ordine e la sicurezza pubblica", la Questura "fa divieto che la celebrazione del funerale di Fabrizio Piscitelli si svolga in forma pubblica e solenne".

Nella serata di ieri, nel frattempo, mille fiaccole hanno illuminato il buio nel parco. Gli ultrà laziali si sono dati appuntamento alle 21.30 davanti alla chiesa di San Policarpo, in piazza Aruleno Celio Sabino, al Quadraro, per un primo ricordo omaggio al leader degli Irriducibili. Alle 22 circa la folla, in silenzio assoluto, guidata dal direttivo degli Irriducibili, si è diretta in corteo sul luogo dell'omicidio. In testa alcuni parenti di Piscitelli. 

Striscione per Diabolik al Colosseo 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Funerali di Diabolik in forma privata, la famiglia contro la decisione del Questore: "Faremo ricorso al Tar"

RomaToday è in caricamento