Roma sud: evadono iva per vendere carburante a prezzi concorrenziali, scoperta frode da 60 milioni di euro

Il sistema di frode "carosello" smascherato dagli uomini dell'Ufficio Dogane e Monopoli

La frode scoperta dagli uomini dell'Agenzia Dogane e Monopoli di Roma

Evadevano l'iva per poi poter vendere il carburante a prezzi concorrenziali in alcune cossiddette pompe bianche compiacenti. A scoprire la frode da 60 milioni di euro di una società "madre" che si trova a Roma sud che poi emetteva false dichiarazioni d'intento verso le società "figlie", gli uomini dell'Ufficio Antifrode e Controlli della Direzione territoriale per il Lazio e l’Abruzzo, in collaborazione con gli Uffici delle Dogane di Gaeta e di Roma 1. 

In tale ambito è stato infatti scoperto e bloccata una vasta frode IVA nel settore dei carburanti procedendo al recupero di oltre 60 milioni di euro e disarticolando una serie di compagini societarie e società “cartiere”. Il meccanismo fraudolento posto in essere dai protagonisti della frode è quello dello schema “carosello” mediante la interposizione di soggetti “fittizi” che consentiva agli autori della frode di “drenare” illecitamente l’IVA. In particolare, la società “madre” è risultata emettere false dichiarazioni d’intento verso le società “figlie”, le quali hanno successivamente posto in essere anche false operazioni commerciali.

La frode era finalizzata non soltanto all’evasione fiscale dell’Iva dovuta e generata da un considerevole volume d’affari, ma anche al riciclaggio dei proventi illegittimamente conseguiti. La scoperta della frode rientra nel novero delle numerose operazioni pianificate e poste in essere in attuazione di un più ampio e articolato Piano di contrasto agli illeciti nel settore dei carburanti – attraverso le metodologie della oil revenues analysis - alla cui realizzazione sono impegnati attivamente tutti gli uffici della Direzione.

La stretta collaborazione tra gli Uffici si è sviluppata attraverso la condivisione delle più recenti metodologie di analisi e di controllo incrociato delle informazioni provenienti dalla Banche dati a disposizione dell’Agenzie Dodane e Monopoli. I risultati di questa importante attività sono stati tempestivamente segnalati all’Autorità Giudiziaria, ma gli accertamenti proseguono.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Chi è Manolo Gambini il detenuto evaso da Rebibbia dopo aver scavalcato la recinzione

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

Torna su
RomaToday è in caricamento