Cronaca

Fratellini morti, Taormina: “Assegnate le case ai genitori”

Mantenuta la promessa fatta quattro mesi fa da Napolitano alla famiglia dei 4 bimbi morti nell'incendio del campo nomadi di Tor Fiscale. L'avvocato Taormina: "Il primo Luglio saranno consegnate le case"

incendio_torfiscale_1_2Quattro mesi dopo l’interessamento da parte del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, all'incendio nel campo nomadi di Tor Fiscale in cui sono morti quattro bambini rom, le promesse sono state mantenute. 

A rivelarlo è, in esclusiva a RomaToday, l’avvocato Carlo Taormina che ci dice: “Sono state assegnate, 10 giorni fa, due case alla famiglia dei bambini morti nell’incendio. Si tratta di due appartamenti adiacenti, sullo stesso pianerottolo. Ora li stanno pulendo e preparando all’arrivo della famiglia del signor Mircea. Lo stesso prefetto mi ha confermato il tutto”.
 
Attualmente la famiglia nomade romena abita in un "centro" sulla Via Salaria: “Abitiamo, con altre 30 persone, in un locale di 40 mq, senza neanche una cucina per poter preparare da mangiare agli altri 4 bambini che ci restano e ai 3 nipotini che abbiamo qui con noi” spiega il signor Mircea, padre dei 4 bimbi che hanno perso la vita.
 
Presto potranno trasferirsi nella nuova abitazione, più precisamente: “Il 30 Giugno ci sarà la firma del contratto, mentre dal primo Luglio sarà possibile, per il signor Mircea e la sua famiglia, trasferirsi” spiega ancora l'avvocato Taormina, che ha seguito questa causa ‘sociale’ sin dall’inizio.
 
 
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fratellini morti, Taormina: “Assegnate le case ai genitori”

RomaToday è in caricamento