menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Francesco Ginese, Matteo Salvini: "Morte inaccettabile. Rettore e Procure chiariscano"

Il ministro: "La responsabilità di questa morte è anche di chi permette queste illegalità da troppo tempo, tra occupazioni di aule e feste non autorizzate con uso e abuso di alcolici e altre sostanze"

La morte di Francesco Ginese diventa un caso politico. E' il ministro dell'Interno Matteo Salvini ad alzare il tiro sulla vicenda, chiamando in causa il Rettore dell'Università Sapienza e le Procure. Secondo Salvini "è inaccettabile morire a 26 anni per partecipare a un concerto illegale all'interno di una università pubblica come la Sapienza. La responsabilità di questa morte è anche di chi permette queste illegalità da troppo tempo, tra occupazioni di aule e feste non autorizzate con uso e abuso di alcolici e altre sostanze. Proprio il 13 giugno scorso, nel comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica di Roma, era stato affrontato il tema dei rave, e ora che ci è scappato il morto il rettore è chiamato a risponderne"

Francesco Ginese, dalla festa per il lavoro alla tragedia: Foggia piange il 25enne morto alla Sapienza

Quindi l'esponente leghista chiede l'intervento di Bonafede: "Domanderò al collega Bonafede quante denunce ed esposti sono fermi in procura e su quali scrivanie - aggiunge - Mi aspetto che vengano ripristinate legalità e diritto allo studio per tutti, con la  liberazione di ogni spazio occupato abusivamente e la sospensione di ogni attività illecita. La pacchia deve finire per rispetto delle migliaia di studenti e professori che vanno in Università per imparare e lavorare, non per fare casino".

Morte Francesco Ginese, indagini sulle autorizzazioni: fari sui party de La Sapienza

Intanto il Codacons ha annunciato che "presenterà oggi un esposto in Procura affinché siano  accertate le responsabilità dei vertici dell'ateneo e delle stesse forze dell'ordine".

L'associazione dei consumatori parla "di una morte annunciata". "I party abusivi organizzati senza autorizzazioni e senza il rispetto delle norme di settore mettono a grave rischio l'incolumità dei partecipanti e aumentano il rischio di incidenti anche gravi - spiega il presidente  Carlo Rienzi - Per tale motivo abbiamo deciso di chiedere alla Procura di Roma che già indaga sulla vicenda di accertare le responsabilità  dei vertici dell'ateneo, a partire dal Rettore, e delle stesse forze dell'ordine che, in base a quanto si apprende, sarebbero state più volte avvisate attraverso esposti e denunce circa feste illegali organizzate a La Sapienza".

È morto Francesco Ginese, il ragazzo di Foggia ferito alla Sapienza

Rienzi non ha dubbi: "Chi ha permesso che si svolgesse un party abusivo privo di autorizzazioni e senza il rispetto delle norme sui servizi di sicurezza e vie di fughe, deve essere indagato per concorso nella morte del ragazzo. Farebbero bene il sindaco di Roma e il Rettore dell'università a concedere agli studenti spazi all'interno dell'ateneo dove organizzare feste legali e nel rispetto delle norme vigenti, per evitare il ripetersi di simili tragedie".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento