menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Francesco Ginese, dalla festa per il lavoro alla tragedia: Foggia piange il 25enne morto alla Sapienza

L'Università Sapienza: "Rattrista che nonostante i ripetuti divieti, denunce e moniti a evitare comportamenti non consentiti e rischiosi per l'incolumità, si sia verificato un incidente di tale gravità"

Amici e parenti erano arrivati a Roma nella giornata di sabato non appena appresa la notizia dell'incidente. Ventiquattro ore di speranze, di preghiere, di richieste di aiuto per donare sangue. Ieri mattina però la tragica notizia: Francesco Ginese si è spento circondato dall'affetto dei genitori Roberto e Concetta e di tanti amici, accorsi anche da Foggia per stargli vicino.

Il dolore per la morte di Francesco Ginese

Nel giro di poche ore all'Umberto I si è radunata una folla di amici, per piangere quel ragazzo del'93 volato in cielo troppo presto. Francesco era nato e cresciuto a Foggia, in una famiglia numerosa con altri quattro fratelli. Brillante e ambizioso, sognava la carriera politica: al liceo Alessandro Volta in tanti lo ricordano rappresentante d'istituto, fiero e impegnato in mille battaglie.

Come quasi tutti i giovani della cittadina pugliese era quindi diventato un fuorisede, studiando prima a Bologna (dove ha conseguito la triennale) e poi a Roma, dove aveva conseguito la laurea magistrale alla Luiss, università che nelle ore successive all'incidente si era mobilitata per chiedere di donare sangue. Una gara di solidarietà che nella giornata di sabato aveva trasformato l'Umberto I in una meta di pellegrinaggio: tanti quelli arrivati al nosocomio romano per dare nuova vita a Francesco.

Francesco Ginese e l'impegno per gli altri

Francesco era figlio di una famiglia nota nella comunità foggiana per l'impegno presso la parrocchia Gesù e Maria. Impegno, disponibilità e apertura verso gli altri trasmesso anche al giovane che a Roma era spesso in strada per aiutare clochard, senza tetto, migranti e in generale chi ne aveva bisogno. Recente la sua laurea, dopo la quale aveva svolto uno stage presso gli uffici del vice ministro Laura Castelli.

Ultimata quest'esperienza era riuscito a trovare quasi subito lavoro presso l'azienda Roche. Voleva festeggiare il nuovo lavoro con i coinquilini dell'appartamento di piazza Bologna e con i vecchi amici e, dopo un brindisi, aveva deciso di partecipare alla notte bianca della Sapienza, il contestato party finito ora sotto i riflettori

Il cordoglio dell'università Sapienza di Roma

Università Sapienza che, nella serata di ieri, ha espresso profondo dolore: "Rattrista grandemente che nonostante i ripetuti divieti, denunce e moniti a evitare comportamenti non consentiti e rischiosi per l'incolumità, si sia verificato un incidente di tale gravità. Si ringrazia tutto il personale medico del Policlinico universitario Umberto I per l'impegno profuso in queste ore con due difficili interventi chirurgici nel tentativo di salvare questa giovane vita".

I messaggi di cordoglio

Centinaia i messaggi di cordoglio e le testimonianze di chi gli è stato accanto fino all'ultimo respiro. Degli amici e di conosce il padre Roberto Ginese, noto cancelliere in servizio presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Foggia, al quale la sezione Aiga del capoluogo pugliese ha dedicato un forte abbraccio per la tragica scomparsa del proprio figlio.

"Ciao amico mio, non ti dimenticherò mai la tua semplicità e dolcezza!" il messaggio di Michele, uno dei tanti amici di Francesco che si sono spesi nella raccolta sangue nel tentativo estremo di salvargli la vita. "Voglio ricordarti così...fiero e strafottente...addio amico mio...non doveva finire così!" scrive Vincenzo.  

Il cordoglio del Vice Ministro Laura Castelli

Cordoglio anche del Vice Ministro Laura Castelli: "Sono profondamente addolorata dalla scomparsa di Francesco, un bravo ragazzo, che ho conosciuto personalmente e che consideravo un amico. Lo sono ancora di più per le circostanze in cui questo è avvenuto. Ai familiari, e a tutti gli amici, un forte abbraccio ed il mio cordoglio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Attualità

Coronavirus, a Roma 534 casi. Sono 1243 i nuovi contagi nella regione Lazio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento