menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stabilimento allagato

Stabilimento allagato

Maltempo, sott'acqua ristoranti e stabilimenti di Fiumicino: "Chiediamo lo stato di calamità naturale"

Ingenti i danni causati dalla mareggiata che ha colpito ieri il litorale laziale. La denuncia dei titolari delle attività

Locali allagati con un metro d'acqua al loro interno. Frigoriferi e sistemi elettrici in cortocircuito. Il maltempo delle ultime 48 ore ha messo a dura prova le attività di ristorazione e gli stabilimenti del litorale. A Fiumicino sono decine le strutture che hanno subito danni per migliaia di euro. Proprio nel pieno della pandemia, quando già chiusure e restrizioni pesano sulla tenuta economica del tessuto produttivo locale. Un momento di disperazione quello vissuto dai ristoratori del lungomare della Salute che li ha spinti a rivolgersi alle istituzioni per chiedere lo stato di calamità naturale. 

"La situazione è sempre più preoccupante - spiega Massimiliano Mazzuca, presidente dell'associazione Lungomare della Salute di Fiumicino, che rappresenta ristoranti, bar e stabilimenti del lungomare - le scogliere hanno ceduto ormai da anni, ogni mareggiata diventa un incubo per le strutture che vengono invase dall'acqua con ingentissimi danni". 

Una mareggiata che "è un colpo importante sotto tutti i punti di vista, non ultimo quello morale". Da qui l'appello agli amministratori locali. "Chiediamo all’amministrazione comunale e regionale un immediato tavolo di confronto con gli operatori di tutto il settore del nostro Comune e di decretare lo stato di calamità naturale con il quale poi poter stanziare immediatamente i fondi per la messa in sicurezza del lungomare e i risarcimenti per le strutture colpite da questa mareggiata". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già, i ristori messi in campo non possono bastare a coprire anche i danni da maltempo. "Se davvero si vuole salvare un comparto che paga fior di tasse e dà lavoro a migliaia di persone qui a Fiumicino tra diretto e indotto allora bisogna davvero mettersi seduti dietro un tavolo e capire come e se ripartire". 

La tromba d'aria di ieri, lunedì 28 dicembre, ha colpito sul litorale non solo ristoranti e stabilimenti di Fiumicino ma anche diversi Comuni della provincia romana. Particolarmente colpita la zona di Cerveteri. Qui il forte vento ha causato la caduta di alcuni alberi e il distaccamento di cornicioni dalle abitazioni. Fortunatamente senza feriti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento