Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Party di Halloween nonostante il lockdown, interrotte cinque feste

I blitz di polizia, carabinieri e vigili in un appartamento a Roma nord, in un circolo privato a Sant'Alessandro ed in due alberghi della città

Foto d'archivio

Assembrati a festeggiare Halloween nonostante il lockdown. Sono finite nel vuoto le parole dell'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato che in previsione della notte del 31 ottobre ammoniva: "I party clandestini di Halloween sono il modo migliore per far galoppare il virus, uno schiaffo in faccia a malati e operatori sanitari".

Sono infatti stati cinque i party scoperti dalle forze dell'ordine che hanno poi interrotto le feste e multato i partecipanti. Nel primo caso è stata una segnalazione arrivata ai carabinieri della Stazione Tomba di Nerone di rumori molesti e musica ad alto volume che provenivano da un appartamento di via Cassia a far arrivare i militari dell'Arma fuori dall'abitazione di Roma nord. 

All'interno della casa i Carabinieri hanno trovato 26 persone, appartenenti a nuclei familiari diversi che si erano riuniti in un'abitazione privata. Identificate gli sono contestate tutte le sanzioni amministrative previste dalle norme per il contrasto ed il contenimento delle infezioni da Covid 19.

Festa in un circolo privato a Sant'Alessandro 

Notte di controlli la notte di Halloween che ha visto in campo anche il personale della Polizia di Stato della Questura di Roma – Divisione Amministrativa e Sociale. Scopo dei controlli era l’osservanza del nuovo DPCM che vieta, su tutto il territorio nazionale, l'organizzazione di eventi o feste presso sale da ballo e circoli, anche in ambito privato, di qualsiasi tipologia.

Notte da incubo per gli organizzatori della serata presso un circolo in zona Sant'Alessandro: in spregio a qualsiasi norma anti-covid imposta dall’ultimo Decreto Governativo, avevano organizzato un evento in maschera secondo le usanze della festa e, pertanto, il circolo è stato chiuso per 5 giorni.

Nella circostanza sono state trovate nella sala destinata al ballo, allestita in perfetto stile Halloween, circa 60 persone, la maggior parte delle quali senza mascherina e senza rispettare la distanza di due metri  prevista per contenere la diffusione del contagio del Coronavirus. 

Festa di compleanno nella sala ristorante 

Inoltre, nell’adiacente sala ristorante lo stesso organizzatore è stato trovato a consumare una lauta cena di compleanno insieme ad una tavolata di 15 persone. A carico di ogni  presente saranno elevate le previste sanzioni che variano  da un minimo di 400 ad un massimo di 1000 euro. Sono in corso accertamenti sia per gli addetti  alla sorveglianza  che per l’ attività posta in essere dal circolo al fine di evidenziare una conduzione irregolare dello stesso, con attività di intrattenimento e spettacolo e somministrazione di bevande e alimenti non consentita. Per il presidente del circolo si potranno configurare  i reati di apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo ed intrattenimento (art. 681 In relazione al 68 e 80 TULPS).

Salario: vestito da morte in strada con una falce vera 

Feste in due alberghi della Capitale

Altra attività di controllo è stata effettuata presso due grandi catene alberghiere della Capitale. Questa volta all’arrivo degli agenti la festa era già finita in quanto intervenuti poco prima gli agenti della Polizia di Roma Capitale che avevano già elevato sanzioni a carico degli organizzatori dell’evento.

Controlli della Polizia Locale 

Non da meno sono stati i controlli degli agenti della Polizia Locale nei vari quartieri della Capitale in questo fine settimana, non solo nelle località tipiche della movida,  ma anche nelle periferie: tutti i gruppi territoriali, unitamente a quelli speciali di sicurezza urbana sono stati impegnati nelle verifiche sul territorio, con particolare attenzione al rispetto delle  regole per la  tutela della salute collettiva. 

Festa di Halloween in un albergo del Centro Storico 

Una vigilanza specifica è stata svolta nella notte fra il 31 ottobre e l'1 novembre per possibili assembramenti e comportamenti poco responsabili in occasione della festa popolare di Halloween. Nel corso delle attività di controllo, gli agenti sono intervenuti in un albergo, in pieno Centro Storico, dove erano in corso i festeggiamenti  di Halloween. Tutto regolare in apparenza: pernottamento comprensivo di  cena per i clienti, ma all’interno gli operanti hanno rilevato diverse violazioni delle disposizioni per il contenimento del contagio,  dal mancato distanziamento tra i tavoli,  alla presenza di un numero eccessivo di persone allo stesso tavolo. 

Circa 80 le persone presenti. Oltre alle sanzioni previste, scattata  la diffida per il titolare, che ha provveduto al ripristino dello  stato dei luoghi posizionando regolarmente i  tavoli e la distanza interpersonale tra gli avventori.

Multe in locali pubblici e minimarket 

Ulteriori  illeciti , circa una ventina, sono stati rilevati presso alcuni locali pubblici e mini market,  nei vari quartieri della città,  a causa della presenza di affollamenti all’interno degli esercizi o nelle adiacenze o per lo svolgimento di attività fuori dagli orari e  modalità previste. In particolare nel Rione Monti, diversi gli interventi delle pattuglie per segnalazioni di calca fuori da alcuni locali di somministrazione. 

Carcere per organizzatori e partecipanti

Duro l'attacco del Codacons sulle feste scoperte dalle forze dell'ordine: "Organizzatori e partecipanti delle feste di Halloween scoperte in queste ore dalle forze dell'ordine della Capitale dovranno essere indagati per il reato di epidemia colposa, e nei loro confronti dovrà scattare il carcere".  

"Chi ha organizzato queste feste, e chi vi ha preso parte, ha messo a rischio non solo la propria salute, ma anche quella dell'intera collettività, in un momento difficilissimo per il paese - spiega ancora il Codacons -. Per questo i responsabili devono essere arrestati, e nei loro confronti devono scattare indagini penali per la fattispecie di epidemia colposa, considerata la pericolosità dei comportamenti messi in atto e le ricadute per la salute pubblica e l'economia del paese, che va verso il lockdown totale proprio a causa di chi non rispetta i divieti e le misure anti-Covid".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Party di Halloween nonostante il lockdown, interrotte cinque feste

RomaToday è in caricamento