rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca Trieste / Via Pietro Mascagni

Uccise la moglie a colpi di pistola, condannato all'ergastolo

Caterina D'Andrea venne trovata priva di vita nell'appartamento dove viveva con il marito nel giugno del 2022

Condannato per il femminicidio della moglie, Caterina D'Andrea, uccisa a colpi di pistola nell'appartamento dove viveva con il marito in zona Salario. Era il 19 giugno del 2022. A distanza di quasi due anni i giudici della terza corte d'Assise di Roma hanno condannato all'ergastolo Piero Bergantino. La donna, allora 72enne, venne uccisa con due colpi di pistola in un'abitazione di via Pietro Mascagni, fra il quartiere Africano e la zona di Conca d'Oro. 

L’uomo - oggi 78enne - il giorno dopo il delitto, compiuto con una pistola Glock mentre la moglie riposava, era andato nello studio del suo avvocato per costituirsi: il legale allora aveva subito avvisato la polizia e gli agenti poco dopo avevano trovato il corpo della donna nell'appartamento.

Il 4 giugno, i giudici, accogliendo la richiesta della pm Alessia Natale, hanno condannato l’uomo, un assicuratore in pensione di 78 anni, alla pena dell’ergastolo per omicidio volontario aggravato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise la moglie a colpi di pistola, condannato all'ergastolo

RomaToday è in caricamento