Federico morto a 15 anni per una meningite tipo C: "Nessun allarme, situazione sotto controllo"

I funerali dell'adolescente verranno celebrati il 17 gennaio alla Chiesa di San Frumenzio al Nuovo Salario

Federico è morto al Policlinico Umberto I

Sierotipo del meningococco di tipo C. Questa la causa che ha determinato la morte di Federico, il 15enne di Talenti deceduto per una meningite al Policlinico Umberto I (qui il link alla notizia). Il responso analitici è stato fornito dall'Inmi Spallanzani. "La salma del giovane torna ora nella disponibilità dei famigliari". 

Lo rende noto l'Assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato, esprimendo per la vicenda "che ci addolora profondamente" la vicinanza "ai famigliari e amici". E assicurando che "la situazione è sotto controllo e non vi è alcun allarme meningite, è stata eseguita la profilassi secondo le linee guida e i protocolli clinici".

"Voglio rivolgere un ringraziamento ai genitori di Federico che, in questo momento di estremo dolore, hanno voluto lanciare un appello sull'importanza della vaccinazione'', ha aggiunto D'Amato. 

''Si tratta di un grande gesto di civiltà - spiega - Da martedì prossimo inoltre i medici della Asl Roma 2 saranno presso l'istituto alberghiero per dare la possibilità a chi lo vorrà di vaccinarsi. Domani mattina parteciperò ai funerali per portare le condoglianze personali e del Servizio sanitario regionale ai famigliari insieme alla Direzione del Policlinico Umberto I e dei medici del servizio vaccinale della Asl Roma 2'". 

Nato e cresciuto a Talenti, Federico è deceduto al nosocomio universitario di viale Regina Margherita la sera di lunedì 14 gennaio.  Una morte improvvisa, tragica. Enorme il vuoto lasciato in famiglia, tra i compagni di scuola dell'Istituto Alberghiero Amerigo Vespucci, nella palestra dell'ASD Atletico Talenti dove, tra grandi ambizioni e sogni, Federico si allenava. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una morte che oltre a lasciare l'amaro in bocca ha fatto nascere una sorta di psicosi. A rassenerare gli animi sul possibile contagio la stessa palestra dell'Asd Talenti. "Ci è stato assicurato dalla Asl che non c'è inquinamento ambientale e la trasmissione del meningococco C, avviene solo per contatto diretto prolungato con l'interessato. Nonostante non fosse stato ritenuto necessario dagli organi competenti della Asl abbiamo provveduto a sanificare tutti gli ambienti della palestra. Pertanto per ulteriori chiarimenti e indicazioni in merito potete rivolgervi alla Asl o al vostro medico". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Prova a scavalcare ma rimane infilzato: muore per infezione in ospedale. I genitori denunciano i medici

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento