rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca Tivoli

Tivoli: evaso Saverio Mammoliti, boss della 'Ndrangheta

Il "Re di Castellace" era detenuto in una località protetta, in attesa di essere giudicato per estorsione aggravata. Il boss della cosca di Oppido Mamertina ha fatto perdere le proprie tracce lo scorso 29 gennaio

Era detenuto in una località protetta nel Comune di Tivoli in attesa di una sentenza per un processo che lo vedeva imputato per estorsione aggravata. A far perdere le proprie tracce dal territorio tiburtino Saverio Mammoliti, conosciuto come Saro il "Re di Castellace". Ritenuto dagli inquirenti a capo della cosca 'ndranghetista che opera a Oppido Mamertina, Reggio Calabria, il 72enne è sparito nella giornata dello scorso 29 gennaio.

UOMO IN FUGA - La notizia dell'evasione era stata anticipata dal giornale "L'ora della Calabria" e confermata successivametnte dal Procuratore di Reggio Calabria che si sta occupando del caso. Saro Mammoliti, aveva iniziato a collaborare con la Magistratura nel 2003, mentre si trovava in carcere per scontare una condanna per associazione mafiosa. Il 21 maggio dello stesso anno, collegato in videoconferenza con i giudici della Corte d'Assise d'appello di Reggio Calabria che lo dovevano giudicare, il boss lanciò un appello a rompere l'omertà e denunciare i propri crimini collaborando con la giustizia.

NASCOSTO A TIVOLI - Saverio "Saro" Mammoliti aveva poi ottenuto gli arresti domiciliari in una località protetta nella zona di Tivoli. Ma dopo avere saputo l'esito del processo che lo vedeva imputato per quella estorsione - condanna a dieci anni e sei mesi - ha deciso di fuggire senza attendere l'arrivo dei carabinieri che adesso lo stanno cercando.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tivoli: evaso Saverio Mammoliti, boss della 'Ndrangheta

RomaToday è in caricamento