Magliana: evade i domiciliari per darsi alla latitanza, scovato nella casa al mare con una pistola

L'ultimo arresto per sequestro di persona con metodo mafioso. Prima di allora rapine, spaccio e reati contro il patrimonio

La pistola trovata dalla polizia a Tor San Lorenzo

Un curriculum criminale di spessore. Rapine, droga, estorsioni, sequestri e reati contro il patrimonio. Ad evadere dalla propria abitazione dove era ristretto agli arresti domiciliari per darsi alla latitanza un romano di 54 anni, scovato dalla polizia in una casa fronte mare con una pistola carica nascosta sotto il letto. 

Dopo aver accertato la sua assenza presso il luogo di detenzione alla Magliana, a seguito di un normale controllo effettuato la sera precedente, gli agenti del commissariato San Paolo sono ritornati il giorno dopo, riscontrando nuovamente l’assenza del soggetto ma predisponendo già la possibilità di attivare le ricerche altrove.

Pertanto, dopo aver effettuato un controllo presso un’ulteriore abitazione a lui riconducibile, grazie ad ulteriori indagini si è riusciti ad individuare la casa, dove al momento l’uomo si era nascosto, situata in località Tor San Lorenzo, prospiciente al mare.

A seguito della necessaria irruzione e dopo aver chiuso le numerose vie di fuga (di cui una che dava direttamente sulla spiaggia) il 54enne veniva trovato ancora a letto insieme alla sua compagna e celata sotto di esso, veniva rinvenuta una pistola, completa di caricatore e munizionamento, di illecita provenienza.

Il predetto per garantirsi libertà di movimento ed eludere ogni controllo celava la propria identità utilizzando un documento contraffatto, una carta d’identità intestata ad un soggetto romano esistente e dimorante a Roma ma effigiante la foto del latitante.

Chiari i segni di una sua fuga definitiva sia per non permettere alcun tracciamento bancario si era premunito di una ragguardevole somma di denaro in contanti della quale si sconosce la provenienza visto che l’uomo è senza alcuna fonte di reddito certificata.

Pure la perquisizione inziale presso il domicilio romano ha permesso di rinvenire un’altra pistola di marca straniera modificata per poter essere accessoriata con un “abbattitore di rumore”, in merito alla quale sono in corso accertamenti al fine di definirne la provenienza e stabilirne la certa clandestinità.

L’uomo dopo gli atti di rito veniva associato presso un istituto carcerario prontamente disponibile, mentre la compagna veniva denunciata in stato di libertà per favoreggiamento.

Significativo lo spessore criminale di dell'uomo, gravitante da sempre nel quartiere della Magliana, storico teatro di diversi episodi di criminalità dai tempi della “Banda” ai giorni nostri, quale l’efferato omicidio di Andrea Gioacchini, freddato da un sicario nel gennaio del 2019 davanti alla scuola in cui aveva accompagnato i figli, sul quale sono in corso indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Roma.

Evaso Magliana 2-2

Vari i reati commessi dall’uomo:

-          nel 2019 aveva commesso un’estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un imprenditore del frusinate, unitamente ad un noto pregiudicato, recentemente arrestato nell’ambito dell’Operazione “Affari di Famiglia”, condotta dalla Squadra Mobile di Roma che ha visto lo smantellamento della famiglia criminale Senese e dei suoi affiliati, tra i quali proprio il complice. 

-          nel 2017 arrestato in custodia cautelare per rapina in gioielleria commessa Roma nel 2016;

-          nel 2012 arrestato in custodia cautelare per rapina in gioielleria commessa Roma e ricettazione; del materiale violentemente sottratto;

-          nel 2011 arrestato per rapina in banca commessa a Torino;

-          nel 2011 denunciato per possesso e porti abusivo di due coltelli ed un bastone di legno;

-          nel 2009 arrestato per spaccio di stupefacenti;

-          nel 2007 arrestato per rapina ad un supermercato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pregiudicato ha sempre orbitato nella sfera criminale venendo più volte colpito da provvedimenti restrittivi, misure alternative alla detenzione e di sicurezza, dipanandosi tra carcere, arresti domiciliari, obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria e sorveglianze speciali, l’ultima delle quali misure aveva deciso di disattendere, forse definitivamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento