Ai domiciliari accusa “sindrome influenzale” e si fa portare all’ospedale, poi non torna a casa

Il 25enne è stato poi rintracciato dai carabinieri nella zona di Fiumicino

Prima si è fatto portare in ospedale poi, una volta uscito, non è tornato a casa dove era ristretto agli arresti domiciliari. E’ accaduto a Fregene dove i carabinieri di Ostia hanno denunciato un 25enne con l’accusa di evasione.

L’uomo, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per reati in materia di sostanze stupefacenti, ieri mattina, asserendo una “sindrome influenzale”, è stato trasportato d’urgenza presso l’ospedale “Giovan Battista Grassi” di Ostia, da dove, dopo circa 3 ore, è stato dimesso senza alcuna prognosi. 

I Carabinieri l’hanno poi rintracciato nel tardo pomeriggio mentre, incurante sia delle proprie presunte condizioni di salute sia della misura detentiva a cui è sottoposto, stava passeggiando per le vie di Fiumicino. 

L’uomo è stato prelevato e ricondotto presso la sua abitazione, mentre l’accaduto è stato prontamente relazionato al magistrato competente, per le valutazioni del caso.

La scoperta nell’ambito dei molteplici servizi di controllo del territorio attuati dai Carabinieri del Gruppo di Ostia. In tale ottica, ad Acilia, i militari dell’Arma hanno arrestato, su disposizione del Tribunale di Roma, un 40enne di origine filippina, già sottoposto all’obbligo di presentazione in caserma per reati inerenti gli stupefacenti per le numerose violazioni della misura.

A seguito delle segnalazioni dei Carabinieri, l’Autorità Giudiziaria ha deciso di inasprire la misura con gli arresti domiciliari.

A Vitinia, i Carabinieri hanno arrestato un 39enne per evasione. L’uomo, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso l’ospedale “Giovan Battista Grassi” di Ostia, è stato raggiunto dall’ordine di carcerazione della Corte d’Appello di Roma a seguito delle precedenti reiterate violazioni, puntualmente segnalate dai militari al giudice. 

Nella serata di martedì, quindi, i Carabinieri hanno dato esecuzione al provvedimento, arrestando l’uomo che è stato accompagnato presso il carcere romano di Rebibbia.

Infine, ieri sera, ad Acilia, i Carabinieri hanno fermato e controllato una coppia che passeggiava a piedi in via Padre Antonio Cocchi. I due, nonostante in un primo momento abbiano dichiarato di essere usciti per andare ad acquistare dei generi di prima necessità, successivamente hanno ammesso di essersi spostati per banali motivi, in violazione delle misure di contenimento epidemiologico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Entrambi sono stati denunciati dai Carabinieri al Tribunale di Roma per attestazione mendace in autocertificazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Omicidio a Marconi: colpito da una coltellata, morto 43enne

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento