menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imprenditore nella tela degli strozzini: così è stato costretto a vivere come un fantasma

La vittima, aggredita anche fisicamente, dopo aver subito le minacce di morte dei suoi aguzzini è stato costretto anche a pagare 22500 euro. Le indagini dei carabinieri e i conseguenti arresti lo hanno fatto uscire dall'incubo

E' stato costretto a vivere come un fantasma. Minacciato e aggredito dai suoi aguzzini che non si sono accontentati dei 22500 euro estorti, tenendo per un anno e mezzo nel loro mirino. Un incubo durato un anno e mezzo per un imprenditore, finito oggi quando i carabinieri del comando provinciale di Roma hanno dato esecuzione a tre misure cautelari in carcere, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Roma, nei confronti di altrettanti soggetti, ai quali viene contestato a vario titolo di aver commesso, in concorso tra loro, il reato di estorsione aggravata consumata e tentata.

Le indagini, condotte dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati, sono scaturite dalla denuncia presentata dall'imprenditore che, esasperato da continue e reiterate richieste di denaro in cambio di una paventata "protezione", ha deciso di raccontare i fatti.

L'estorsione dopo l'offerta di protezione

Il calvario dell'uomo ha inizio nel settembre 2017 quando si è diffusa la notizia che gli sarebbe stato riconosciuto un cospicuo risarcimento assicurativo per una vicenda personale di qualche anno prima.

Pochi giorni dopo infatti l'uomo è stato avvicinato da un soggetto, noto pregiudicato dell'area romana, che, inspiegabilmente, era a conoscenza del risarcimento che avrebbe dovuto ottenere, ed in ragione del quale offriva la "protezione" contro potenziali persone che gli volevano fare del male. 

Alla richiesta di "protezione" l'uomo ha opposto in un primo momento un secco rifiuto, che non ha fatto desistere il suo aguzzino: infatti, per tutto il mese di settembre, insieme ad altri soggetti ha effettuato numerosi e continui passaggi sia sotto l'abitazione della vittima, sia davanti la sua attività imprenditoriale che si trova a Ciampino.

22500 estorti all'imprenditore

Di fronte all'inerzia della vittima, l'aguzzino ha così deciso di affrontare direttamente l'imprenditore, aggredendolo fisicamente e arrivando a minacciare di morte la famiglia: questa volta il messaggio viene recepito, e la vittima, dopo una richiesta iniziale ancora maggiore, si vede costretta a consegnare 20.000 euro

La vicenda non termina qua, tanto che, pochi mesi dopo, nel marzo dell'anno successivo l'aguzzino torna alla carica e si fa consegnare altri 2500 euro.

Nonostante la vittima venga rassicurata che questa sarebbe stata l'ultima richiesta di denaro, a causa del timore ingenerato dalla situazione, decide in ogni caso di cambiare stile di vita e prendere delle precauzioni: cambia numero di telefono che questa volta fornisce solo ad una cerchia ristretta di persone, smette di frequentare l'esercizio commerciale da lui gestito fino a quel momento in prima persona e, addirittura, sceglie di cambiare l'abitazione dove viveva con la famiglia.

"I timori della vittima non erano infondati"

Ed infatti, come si legge nell'ordinanza del Giudice, "i timori della vittima non erano infondati", tanto è vero che l'estorsore si è fatto nuovamente vivo presso l'attività della vittima nell'aprile dello stesso anno, chiedendo con insistenza ed in più giorni successivi di poter parlare con il titolare, ricevendo sempre la stessa risposta concordata tra i vari dipendenti: il titolare è assente per motivi di salute e pertanto non è rintracciabile. 

Nonostante i continui tentativi di eludere le richieste dell'estorsore, verso la metà di ottobre, venuto a conoscenza che la sua vittima aveva ricominciato a frequentare l'attività, si presenta in compagnia di altre due persone (anche loro destinatari del provvedimento cautelare) ribadendo ancora la necessità di "protezione". 

Tre estorsori in manette

Questa volta la vittima non cede alle richieste, ma si vede costretta a rendersi nuovamente irreperibile. L'incubo però non finisce fino all'agosto di quest'anno.
 
A porre fine all'agonia dell'uomo l'intervento dei carabinieri che hanno fatto scattare le manette nei confronti dei tre uomini ritenuti responsabili delle condotte estorsive sopra descritte. 

A testimonianza della gravità delle condotte poste in essere dai tre, si legge nell'ordinanza che ne dispone l'arresto, che: "la peculiarità della minaccia esplicitata inizialmente sotto forma dell'offerta di protezione da ipotetici personaggi che potrebbero far molto male a lui e alla sua famiglia, poi mano mano nelle forme più esplicite che si sono evidenziate, tali da farlo cedere alla pretesa, il tutto accompagnato dalla forma arrogante e spregiudicata in cui  ci si presenta e al cospetto di terzi non si esita a palesare le proprie intenzioni, ebbene, trattasi di plurimi dati che, se non direttamente collegati, sono certamente fortemente evocativi di condotte illecite di tal fatta coltivate in ambiti criminali organizzati, tanto più se riguardati sul piano dei comportamenti che ne sono seguiti da parte della vittima, che si è allontanata dalla palestra dove lavora, ha cambiato ripetutamente utenze e cercato in ogni modo di far perdere le proprio tracce, addirittura trasferendosi unitamente alla famiglia".

Al termine delle formalità di rito per i tre si sono aperte le porte di Regina Coeli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento