Cronaca Portuense / Largo Gaetano la Loggia

Smartphone e tablet come garanzia per un debito di droga, arrestata per estorsione

La 25enne vantava un credito di 20 euro. Vittima una giovane ragazza al Portuense

Vantava un credito di 20 euro nei confronti di una sua coetanea, per averle ceduto, lo scorso anno, alcune dosi di droga. Non si era, però, limitata a chiederle indietro i soldi, ma si era anche impossessata di due smartphone e di un tablet della vittima, come garanzia del pagamento, maggiorato di ben 30 euro. 

Tentata estorsione al Portuense 

In manette, una 25enne romana, senza occupazione e con precedenti, arrestata dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Eur con l’accusa di tentata estorsione.

Smartphone come garanzia 

L’attività è iniziata quando la vittima, 21enne romana, aveva denunciato l’accaduto ai Carabinieri, fornendo i dettagli sull’incontro che aveva programmato con la malvivente, dove le avrebbe dovuto consegnare i soldi dell’insolvenza.

Tablet e telefoni in casa al Corviale 

E così, all’appuntamento tra le due giovani in largo Gaetano La Loggia, al Portuense, si sono presentati anche i Carabinieri in borghese che hanno bloccato la pusher/estortrice. La successiva perquisizione nella sua abitazione, al Corviale, ha permesso ai Carabinieri di recuperare gli oggetti sottratti alla vittima. L’arrestata è stata portata in caserma e trattenuta in attesa del rito direttissimo.    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Smartphone e tablet come garanzia per un debito di droga, arrestata per estorsione

RomaToday è in caricamento