Esplosione in via Marmorata: boato nei pressi delle Poste, rinvenuta bomba rudimentale

L'allarme è scattato intorno alle 9 quando si sono udite due forti esplosioni in via Marmorata, all'altezza dell'Ufficio Postale. La Polizia ha rinvenuto un ordigno rudimentale

Paura oggi a Roma per una esplosione a Testaccio. In via Marmorata 4 quando, intorno alle 9, si sono sentite due forti esplosioni nei pressi dell'ufficio delle Poste. Sul posto i vigili del fuoco, Polizia Scientifica e arificieri che hanno rinvenuto un ordigno rudimentale collocato tra due autovetture in sosta, nei pressi del parcheggio dell'ingresso laterale delle Poste.

L'area è stata delimitata con il nastro e sul posto sono intervenuti anche gli artificieri e i cani Atf (specializzati in odori di esplosivi) per le bonifiche. A garantire la viabilità il gruppo Centro della Polizia Locale di Roma Capitale.

Nella doppia esplosione, probabilmente generata da un radiocomando, nessuno è rimasto ferito. Solo un'auto è stata lievemente danneggiata sul cofano.  

Secondo i Vigili del Fuoco è "chiaramente un atto intenzionale". "La doppia esplosione è stata di lieve entità e non ha provocato danni. L'ordigno era in una piccola scatola di plastica posta tra due auto nel parcheggio privato di via Marmorata. A chiamarci sono stati i dipendenti delle Poste che, con un estintore, hanno spento una piccola fiammella. Non abbiamo ritenuto necessario evacuare gli uffici", ha riferito ai giornalisti presenti Franco Zelinotti, funzionario di turno dei vigili del fuoco di Roma. 

>>> IL VIDEO DOPO L'ESPLOSIONE <<<

Maurizio Improta, responsabile ufficio protezione generale e soccorso pubblico della questura di Roma, poi spiega: "Si è sentito un doppio sonoro, il primo di un innesco e poi quello del liquido infiammabile (verosilmente benzina) ma l'ordigno, rudimentale e costruito con ingegno, era uno. Abbiamo rinvenuto anche un timer da cucina. Ora ci sono indagini in corso e stiamo cercando di capire se questo tipo di esplosioni, puramente dimostrative, possano essere riconducibili ad altri fatti in passato. Tempestivo è stato l'intervento dei dipendenti della Posta". 

"Sempre in mattina abbiamo anche ricevuto un falso allarme bomba nei pressi della cancellata della Fao. Lì gli artificieri della Polizia hanno rinvenuto dei sacchetti che, controllati, sono risultati contenere materiale di risulta abbandonato imprudentemente da qualcuno", conclude Improta. 

Al momento, tuttavia, non si esclude nessuna ipotesi, anche una possibile pista anarchica. Si vagliano anche i filmati delle telecamere di sorveglianza delle Poste. Gli ulteriori accertamenti della Polizia hanno negato la presenza di altri ordigni in zona. Sulla vicenda indaga la Digos.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento