menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'Eurospin di via Palombarese (foto google)

L'Eurospin di via Palombarese (foto google)

La banda del supermercato colpisce ancora: esplosione e furto all'Eurospin

Il colpo messo a segno sulla via Palombarese, a Marco Simone di Guidonia. Indaga la polizia

Una banda inafferrabile. Ancora un colpo col botto ad un supermercato. Nel mirino questa volta è finito l'Eurospin di via Palombarese, a Marco Simone di Guidonia dove ignoti hanno fatto esplodere la cassaforte scappando con il denaro contenuto nella stessa. 

Il furto è stato messo a segno intorno alle 21:00 di domenica 14 febbraio in un esercizio commerciale che si trova in una zona isolata, fra la Nomentana bis ed il quartiere residenziale del Comune della provincia nord est della Capitale. Qui la banda, dopo aver sfondato con un piccone la vetrata dell'Eurospin, ha saturato con il gas acetilene l'area dove si trova la cassa continua dell'esercizio commerciale facendola esplodere. Poi la fuga, con il bottino ancora in via di quantificazione. 

Scattato l'allarme collegato alla sala operativa delle forze dell'ordine sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di polizia di Tivoli che non hanno potuto far altro che constatare l'avvenuto colpo. Acquisite le immagini di videosorveglianza del piazzale dove è avvenuto il furto, che si trova vicino ad un distributore di carbuarante, gli investigatori hanno accertato la presenza di tre persone, vestite di scuro con i volti travisati ed i guanti, poi scappate a bordo di un'auto con il denaro contenuto nella cassaforte. 

Due colpi tentati in una sola notte 

Una banda, quella del gas acetilene, che continua ad imperversare a Roma e provincia. Era infatti la notte dello scorso 1 febbraio quando vennerro tentati due colpi. Nel primo caso nel mirino della banda finì il Penny Market di via del Poggio Verde al Corviale, con i soliti ignoti che dosarono male la quantità di gas acetilene non riuscendo il quel caso a scardinare la cassaforte e fuggendo a mani vuote. 

Una notte di furti che proseguì poche ore dopo in provincia di Roma. Ad essere preso di mira ancora un supermercato della catena Eurospin, in via Naro a Pomezia. Anche in questo caso però i ladri, come successe due ore prima al Corviale, furono costretti a scappare  a mani vuote, arrecando però ingenti danni all'esercizio commerciale preso di mira. 

In particolare la banda, dopo essere riuscita ad entrare nell'esercizio commerciale, provò ad aprire la cassaforte mediante l'utilizzo di gas acetilene ma non riuscì nel suo intento di aprire la cassa continua. Una forte deflagrazione fece infatti desistere  i banditi, fuggiti a mani vuote. Dietro di loro l'incendio, causato dall'esplosione nel tentativo di aprire la cassa continua dove era contenuto il denaro. 

La banda del supermercato 

Dunque una vera e propria banda specializzata nel far "sparire" casseforti e casse continue soprattutto dei supermercati, dove la disponibilità di denaro contante contenuto nelle casse è maggiore rispetto agli uffici postali ed alle banche, comunque nel mirino dei ladri. Una lunga scia di furti non sempre riusciti, ma con danni economici ingenti per chi li ha subiti. Lo sanno bene all'Eurospin di via Tiberina, a Fiano Romano, dove la notte dello scorso 8 gennaio "i soliti ignoti" hanno innescato, come accaduto successivamente a Pomezia, un incendio causato dal gas utilizzato per aprire la cassaforte. Un tentativo fallito, con la cassa blindata rimasta chiusa e le fiamme conseguenza dell'esplosione che diedero vita ad un incendio. Scattato l'allarme quindi la fuga dei banditi a mani vuote prima dell'arrivo dei carabinieri. 

Esplosione di Capodanno all'Eurospin di Casal Selce

Un 2021 che si era aperto con altri "botti", oltre a quelli di Capodanno. Era infatti la mattina dell'1 gennaio quando i carabinieri intervennero per un furto consumato all'Eurospin di via di Boccea 862, zona Casal Selce. Una forte esplosione, con la banda ad agire mentre in città venivano esplosi i "botti" di Capodanno. Una deflagrazione che, come nel caso di Fiano Romano e Pomezia, ebbe come conseguenza un principio d'incendio, con le fiamme poi domate dai vigili del fuoco.

Supermercati nel mirino della banda a Roma e provincia 

Nuovo anno che si era aperto come si era chiuso il 2020, dove nel corso dei mesi esplosioni e visite ai supermercati di Roma e provincia sono balzate diverse volte al centro della cronaca cittadina. Tre i casi accertati a distanza di poche settimane l'uno dall'altro nel mese di novembre: la notte del 27 al supermercato Pam il località Le Rughe, nella zona di Formello, il 9 al supermercato Sacoph Gros di via Maremmana Inferiore, a Villanova di Guidonia ed il 5 novembre al Sacoph di via Tiburtina, nella zona di Casal Bruciato. 

La banda del gas acetilene 

2020 dove sono stati decine i furti messi a segno e tentati.  Il 26 ottobre all'EmmePiù di via Delia a La Rustica. Il 5 dello stesso mese all'Ipercarni di via Lorenzini a Talenti. Ed ancora il 23 marzo al Carrefour di via Francesco Gentile a Cinecittà Est. Il 29 gennaio stesso copione al Todis di via di Tor Vergata, nell'omonimo quartiere del VI Municipio.  

Sempre a gennaio del 2020, la notte fra il 20 ed il 21, a finire nel mirino della banda era stato ancora un supermercato della catena Eurospin, in via delle Ombrine a Fiumicino con i ladri che riuscirono a far perdere le proprie tracce con un bottino di circa 16mila euro. Con l'inizio di questo nuovo anno il fenomeno non accenna a diminuire, con la banda del supermercato pronta ad entrare all'opera al calar della notte. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento