Cronaca Acilia / Via Giacomo della Marca

Esplosione ad Acilia: crolla una palazzina, mamma e figlia sotto le macerie

Lo scoppio in una struttura di due piani in via Giacomo della Marca. Sul posto carabinieri, polizia, vigili del fuoco e polizia locale

esplosione_acilia_oggi

Esplosione ad Acilia. Poco dopo le 14, a causa molto probabilmente di una fuga di gas, un'esplosione ha interessato una palazzina di due piani in via Giacomo della Marca, al civico 36-38, zona San Francesco. Una forte deflagrazione che ha letteralmente fatto crollare la struttura. Lo scoppio è stato sentito distintamente anche in lontananza facendo scattare l'allarme tra i residenti. 

SOCCORITORI SUL POSTO - Sul posto i carabinieri, la polizia di stato, il X gruppo Mare e il GPIT della polizia locale ed i vigili del fuoco con cinque squadre, con l'ausilio del gruppo NBCR, di una autoscala e del gruppo cinofili. Danneggiate anche due immobili adiacenti alla palazzina crollata, sui quali sono in corso accertamenti da parte dei pompieri. 

PERSONE SOTTO LE MACERIE -  Una situazione di massima urgenza quella che si sono trovati davanti i soccorritori al lavoro per estrarre le persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Una corsa contro il tempo nella quale mancano all'appello una madre e la sua figlia di 9 anni. Due le persone salvate, un uomo ed una donna di 68 anni, marito e moglie. Portato in codice giallo all'ospedale Grassi di Ostia con ferite lacerocontuse e traumi su tutto il corpo il primo, più gravi sono le condizioni dell'anziana, trasportata d'urgenza con l'elisoccorso in codice rosso al Policlinico Universitario Agostino Gemelli con dei traumi da schiacciamento.  Sul posto anche tre eliambulanze pronte ad eventuali trasporti d'urgenza in altri ospedali.

VIGILI DEL FUOCO - Sono le 19 quando i vigili del fuoco spiegano ai giornalisti: "Non sappiamo ancora da dove sia partita l'esplosione. Gli accertamenti li faremo dopo- spiegano- ora stiamo pensando a salvare la vita di queste due persone". Non ci sono segnali (voci o altro) che fanno pensare adesso al fatto che mamma e bimba (8 anni) siano ancora vive, "ma questo non significa niente- sottolineano dai Vigili del fuoco- Noi dobbiamo continuare a scavare e a sperare, non è detto nulla". 

LE IPOTESI FUGA DI GAS - Per quanto riguarda la fuga di gas, le ipotesi vanno da una ipotetica bombola adoperata dai vicini di casa della famiglia a quella di qualche tubatura che potrebbe avere ceduto, magari per colpa di un crollo del terreno. Questa seconda idea gira soprattutto tra i residenti della zona, che hanno visto in poche settimane, a distanza di solo centinaia di metri dalla strada della palazzina crollata, anche una scuola chiusa e una via transennata per cedimenti delle strutture e dell'asfalto.

RESIDENTI NELLA PALAZZINA - Al momento dell'esplosione nella palazzina erano presenti il dentista che ha lo studio al pian terreno, una famiglia di cittadini bangladesi ed un nucleo familiari, di cui mancano all'appello, come detto, una madre e sua figlia piccola. Sul posto anche il Prefetto della Commissione Straordinaria del X Municipio Mare Domenico Vulpiani e la delegata del litorale Giuliana Di Pillo insieme alla Sindaca Virginia Raggi. 

UN FORTE BOATO - "Ho sentito un boato alle 14:00 - le parole di Paolo della carrozzeria di via Armandi - Siamo sulla parallela di via Della Marca e ci siamo subito precipitati. Abbiamo sradicato il cancello e salvato un bambino". Scossa anche un'altra residente in zona, la signora Sandra: "Tremava tutto, sembrava il terremoto - le sue parole a RomaToday -. Avevo una casa ad Amatrice ed ho rivissuto quegli attimi di paura e sconforto".   "Stavo uscendo nel giardino - le parole di un altro abitante della zona - poi mi sono dovuto fermare ed ho portato fuori le bambine che avevo con me. Ho avuto tanta paura, soprattutto per i ragazzini. Ho sentito questo botto e mia figlia mi ha urlato di uscire di casa". 

CROCE ROSSA SUL POSTO - Sul posto anche i sanitari della Croce Rossa intervenuta in ausilio agli altri soccorritori per assistere la popolazione circostante la zona del crollo, con due squadre di supporto emergenza psicologica, un'ambulanza e coordinamento sul campo del Comitato territoriale CRI del Municipio 10 di Roma. Dalla Sala Operativa della Croce Rossa di Roma è inoltre pronta a intervenire anche un'ambulanza medicalizzata e squadre per la distribuzione aiuti alla popolazione.

INDAGINE DELLA PROCURA - La procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine per disastro colposo in merito al crollo. L’inchiesta è affidata al Pubblico Ministero Mario Palazzi.

STRADA CHIUSA - Per la chiusura di via Giacomo della Marca la linea 063 è stata deviata in via Catrani, via Andrea da Garesio, via Romagnoli, via di Dragone e via Ruspoli. 

IN AGGIORNAMENTO 

VIDEO | Esplosione ad Acilia, un residente: "Ho sentito un boato e ho portato fuori le bambine"

VIDEO | Fuga di gas ad Acilia, soccorritori cercano persone sotto le macerie

CLICCA SU CONTINUA PER GUARDARE LE FOTO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosione ad Acilia: crolla una palazzina, mamma e figlia sotto le macerie

RomaToday è in caricamento