Cronaca

Policlinico Umberto I: escrementi e materassi sporchi a Ginecologia

A denunciare la situazione di forte degrado della struttura ospedaliera è segretario regionale della Fials Confsal, Gianni Romano che chiede l'intervento della Regione. Il Policlinico: "Quei locali sono chiusi"

Non si può certo dire che sia un bel periodo per gli ospedali di Roma. Dopo il caso dell'infermiera con tubercolosi al Gemelli, ne arriva un altro, che sicuramente farà discutere. Nel reparto di Ginecologia del Policlinico Umberto I sono stati ritrovati escrementi umani, mangime per cani e materassi sporchi e vecchi buttati a terra. La situazione di forte degrado della struttura ospedaliera, in fase di ristrutturazione, è stata denunciata dal segretario regionale della Fials Confsal, Gianni Romano. "E' davvero preoccupante - spiega comunque la Fials - che in queste ore quando sotto i riflettori della Regione c'é finito il Policlinico Gemelli per alcuni casi di Tbc anche nell'altro policlinico della Capitale, l'Umberto I, emergano situazioni a dir poco sconcertanti".

"In seguito a un sopralluogo effettuato nella clinica di Ginecologia - continua la nota - in due stanze sono stati trovati avanzi di cibo, escrementi umani, scatolette di mangime per cani oltre a materassi fetidi buttati a terra che denotavano la presenza di alcune persone all'interno della struttura ospedaliera. Chissà se fossero clochard o altro, ma è necessario che intervenga l'autorità regionale visto che in questo caso specifico i vertici del nosocomio e altrettanto il servizio di vigilanza non sono stati in grado di evitare queste intrusioni". La Federazione dei lavoratori della sanità denuncia anche problemi di carattere gestionale. "I lavori di ammodernamento eseguiti recentemente - spiega Romano - non hanno provveduto a far sì che le camere rispondessero agli standard delle disposizioni di edilizia sanitaria in vigore. Vale a dire che le camere a 2 letti non rispettano i 9 metri quadri per paziente e sono dotate di lavabo e di doccia nel bagno ma non di wc". Il segretario regionale invita la presidente Polverini a "rilevare la gravità dei fatti e avviare un'indagine con l'aiuto del direttore generale in carica".


Immediata la replica del nosocomio, che in una nota sdrammatizza e spiega come i locali siano chiusi, "mai consegnati e mai adibiti ad uso assistenziale" e che "é stato effettuato un sopralluogo dalla Direzione Aziendale che ha immediatamente predisposto tutte le iniziative utili alla sanificazione dando, nel contempo, mandato ai competenti uffici di riqualificare l'area secondo i più moderni standard assistenziali". Il Policlinico, inoltre, annuncia di aver chiesto anche la collaborazione del Provveditorato alle Opere Pubbliche, il quale ha già effettuato un ulteriore sopralluogo. (Fonte Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Policlinico Umberto I: escrementi e materassi sporchi a Ginecologia

RomaToday è in caricamento