rotate-mobile
Cronaca Castelnuovo di Porto

Eroina e siringa nel manubrio della bici, nella camera della comunità un minimarket della droga

In manette un 32enne

Dosi di eroina ed una siringa nella canna del manubrio della bici, da qui la scoperta di un minimarket della droga allestito da un 32enne del Gambia,  con precedenti per reati inerenti agli stupefacenti, che, pur essendo sottoposto agli arresti domiciliari presso una comunità di Castelnuovo di Porto non aveva smesso la sua attività di spacciatore. 

I Carabinieri della Stazione di Castelnuovo di Porto hanno notato l’uomo che, in sella ad una bicicletta sostava guardingo di fronte alla comunità dove i militari sono soliti espletare i previsti controlli ai soggetti sottoposti agli arresti domiciliari e insospettiti, hanno deciso di fermarlo per un controllo. Il 32enne ha da subito mostrato nervosismo e una certa apprensione nel fornire le proprie generalità, inducendo i Carabinieri a perquisire sia lui che la bicicletta su cui viaggiava. 

Eroina nel manubrio della bici

I militari hanno così rinvenuto due dosi di eroina nascoste nel manubrio e una siringa occultata all’interno di una manopola. A quel punto, i Carabinieri hanno ritenuto opportuno estendere la perquisizione alla camera della struttura occupata dal 32enne, trovandosi di fronte ad un vero e proprio minimarket della droga. Al termine delle operazioni infatti sono stati rinvenuti 20 grammi di cocaina, 130 grammi di eroina, 230 grammi di hashish e 30 grammi di marijuana, oltre a 200 grammi di sostanza da taglio, taglierini, bilancini, carta d’alluminio e buste. 

Il tutto è stato sequestrato unitamente a 8.200 euro in banconote di vario taglio, considerati provento dell’attività di spaccio. Il trafficante è stato quindi associato presso il carcere di Rebibbia, dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eroina e siringa nel manubrio della bici, nella camera della comunità un minimarket della droga

RomaToday è in caricamento